Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Tecnologia e sicurezza Guerra informatica, realtà o fantascienza?

Gli esperti ritengono che gli attacchi informatici mirati possono compromettere le attività economiche, politiche e amministrative di un paese. L’esempio di Stuxnet, creato da americani e israeliani per contrastare il programma nucleare iraniano, dimostra che i virus informatici possono rientrare nell’arsenale di un governo. La prossima guerra sarà combattuta con armi informatiche?

Tra i possibili obiettivi vi sono centrali nucleari, ospedali o sistemi di distribuzione dell’acqua potabile. A chi spetta le protezione di queste infrastrutture critiche? A un esercito di ciber-soldati oppure a esperti informatici civili? Dite la vostra.

Lotta senza frontiere

La Convenzione del Consiglio d'Europa sulla cibercriminalità del 2001 è il primo trattato internazionale sulla criminalità informatica e in rete.

Il documento, firmato e ratificato anche dalla Svizzera, obbliga gli Stati contraenti a rendere perseguibili la frode informatica, il furto di dati, la falsificazione di documenti mediante computer o l’accesso a sistemi informatici protetti.

Dal gennaio 2013 sarà operativo il Centro per la lotta alla criminalità informatica dell’Europol. Il centro con sede a L’Aia si concentrerà sulle attività illegali in rete svolte da gruppi criminali organizzati, in particolare sugli attacchi contro i servizi bancari e le attività finanziarie online.

Studierà poi il modo per proteggere meglio i profili dei social network dalle infiltrazioni criminali e fornirà informazioni e analisi alle autorità nazionali.

Nel giugno 2012, il governo svizzero ha adottato una strategia nazionale contro i rischi informatici. Tra le sue priorità: migliorare la collaborazione tra autorità, economia e gestori di infrastrutture critiche.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.