Positivi i colloqui tra governo e partiti alla Casa von Wattenwyl

I partiti di governo vogliono consultati sull'estensione delle prestazioni dell'assicurazione di base se sono controverse o costose. Lo ha detto venerdì il presidente del PLR Franz Steinegger al termine dei colloqui di due giorni alla Casa von Wattenwyl.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 novembre 2000 - 19:13

La questione, ha aggiunto Steinegger, è delicata poiché tocca le competenza del governo. Sarebbe comunque auspicabile che i partiti venissero informati.

Ruth Dreifuss, ha precisato il vice-cancelliere della Confederazione Achille Casanova, considera che le regole seguite finora abbiano dato buona prova di sé. Tuttavia, la responsabile del Dipartimento dell'interno - ha precisato - si è detta disposta a informare i colleghi di governo qualora vi fossero in gioco somme notevoli o la decisione si rivelasse politicamente sensibile.

Altro argomento all'ordine del giorno, la legge sugli stranieri. Per Steinegger, dopo la votazione del 24 settembre sull'iniziativa detta del 18 percento, il clima si è fatto più sereno. I partiti intendono istituire un gruppo di lavoro misto che si occuperà di politica migratoria e integrazione.

La cosigliera federale Ruth Metzler, ha assicurato Casanova, intende presentare alle Camere il messaggio governativo sulla nuova legge entro l'estate del 2001. Per la fine dell'anno prossimo dovrebbe essere pronto il messaggio sulla naturalizzazione. A questo proposito, il governo ha ribadito che una migliore integrazione si ottiene facilitando l'accesso degli stranieri alla nazionalità, soprattutto quando si tratta di giovani nati in Svizzera.

Sulla riforma del governo i partiti, ha detto il presidente del PRL, intendono consultarsi per poter presentare una posizione coerente, relativamente alla proposta del Consiglio federale di istituire un esecutivo su due livelli. Parallelamente alla riforma del governo si sta infatti discutendo quella del parlamento. Le due riforme devono essere condotte insieme.

Tra gli argomenti affrontati, l'introduzione della tassa sul traffico pesante dal gennaio del 2001 nonostante gli accordi bilaterali non siano ancora stati ratificati da tutti gli Stati membri dell'Unione europea. Secondo il capo della diplomazia elvetica Joseph Deiss, la loro adozione sarà cosa fatta entro la metà del 2001. A suo parere, certi ritardi si spiegano con le procedure complesse - vedi Belgio - in vigore in certi Paesi.

Circa gli aiuti concessi a Ticino e Vallese dopo le catastrofi di qualche settimana fa, Casanova ha assicurato che il governo intende preparare quanto prima un messaggio ad hoc. I partiti hanno ringraziato Adolf Ogi per la sollecitudine dimostrata nel voler portare aiuto.

Agli incontri, svoltisi in un'atmosfera cordiale e costruttiva ha affermato Steinegger, hanno assistito i consiglieri federali Ogi, Dreifuss, Metzler, Leuenberger, Couchepin, Deiss e la cancelliera della Confederazione Annemarie Huber-Hotz. Da parte dei partiti, per la prima volta era presente la neo presidente dei socialisti Christiane Brunner.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo