Navigation

Skiplink navigation

Previsioni economiche più rosee

L’andamento dell’economia elvetica dovrebbe essere migliore del previsto. Il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF) ha ritoccato verso l'alto i pronostici per il 2009 e il 2010.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 dicembre 2009 - 16:42

Per l'anno corrente, gli esperti dell'istituto calcolano ora una contrazione del prodotto interno lordo (Pil) del 2,9%, rispetto al calo del 3,4% indicato circa tre mesi fa. Per l'anno prossimo si attendono una crescita dello 0,6%, contro lo 0,1% previsto tre mesi or sono.

L'evoluzione del Pil elvetico dovrebbe avere toccato il punto più basso a metà anno, spiega il KOF in una nota pubblicata venerdì.

Per il 2009, il KOF rimane più pessimista rispetto a diversi altri esperti. Circa una settimana fa, la Banca nazionale svizzera aveva indicato per quest'anno una flessione dell'1,5%, gli esperti del Credit Suisse un -1,6%, il BAK -1,7%.

Il ritocco di mezzo punto percentuale dell'evoluzione del Pil nel 2009 non si basa su una valutazione fondamentalmente differente della situazione, ha spiegato il KOF. Esso riflette più che altro una variazione del dato sull'export di servizi, in termini destagionalizzati, e l'evoluzione meno negativa del mercato del lavoro.

Tuttavia per l'occupazione non sono attesi miglioramenti prima della fine del 2010. Secondo il KOF, il tasso di disoccupazione in media raggiungerà il 4,6% l'anno prossimo, prima di culminare in un picco di poco al di sotto della soglia del 5% nel 2011.

In questo contesto di lentezza congiunturale, le pressioni inflazionistiche dovrebbero rimanere limitate.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo