Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Rapporto ONU Oltre 15'000 bambini vittime della guerra nel 2016

Oltre 15’500 bambini sono stati vittime di violazioni diffuse nei paesi in guerra nel 2016, e 8’000 minori sono stati uccisi o mutilati. È l'allarme lanciato dall'Onu con un rapporto presentato dal segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres al Consiglio di Sicurezza.

(1)

Servizio TG


Ciò che emerge dal rapporto è che i bambini provenienti da Paesi come Afghanistan, Congo, Iraq, Somalia, Sud Sudan, Siria e Yemen subiscono un livello inaccettabile di violenze dalle parti in conflitto, con almeno 4’000 violazioni verificate commesse dalle forze governative e oltre 11’500 da gruppi armati non statali.   

"Il tragico destino delle vittime infantili nei conflitti non può e non deve lasciarci indifferenti", ha avvertito la rappresentante speciale delle Nazioni Unite per i bambini in guerra, Virginia Gamba. Mentre il segretario generale Antonio Guterres si è detto "inorridito", e ha "esortato le parti a rispettare la responsabilità di proteggere i bambini, secondo gli obblighi sanciti dal diritto umanitario".

L'Afghanistan ha registrato il numero più elevato di vittime infantili da quando l'Onu ha iniziato a documentarle nel 2009, con 3’512 bambini uccisi o mutilati nel 2016, segnando un aumento del 24% rispetto all'anno precedente. Il dossier, inoltre, ha documentato 851 casi verificati di bambini reclutati e impiegati nella guerra in Siria (più del doppio del 2015), e 1'915 casi in Somalia.

Sempre in Siria, 1’299 minori sono stati uccisi o mutilati, numero che in Yemen sale a 1'340. E di questi, in Yemen 683 sono stati uccisi, feriti o mutilati da parte della coalizione militare guidata dall'Arabia Saudita, che è stata inserita nella lista nera, anche se le viene riconosciuto di aver messo in atto misure per migliorare la protezione dei bambini.

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 07.10.2017)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza