Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il divieto di costruire nuove centrali atomiche non piace alla maggior parte delle aree con reattori nucleari: a Zurzach (AG) due votanti su tre hanno detto di no alla Strategia energetica 2050, a Leibstadt (AG) addirittura quattro su cinque.

Zurzach già a novembre aveva bocciato l'iniziativa "Per un abbandono pianificato dell'energia nucleare" con un risultato record di tre quarti di "no". Il distretto di Zurzach ospita, con Beznau 1 e 2 nonché Leibstadt, tre dei cinque reattori nucleari della Svizzera.

Nel comune di Leibstadt, ben nove votanti su dieci avevano allora respinto l'uscita dal nucleare. Oggi, solo il 18% ha votato a favore della Strategia energetica 2050. A Döttingen, comune in cui risiede la centrale di Beznau, ad accettare il testo è stato il 27% dei cittadini. A livello cantonale, il "sì" ha raggiunto il 48%.

A Däniken (SO), sito della centrale nucleare di Gösgen, la quota di "no" ha raggiunto il 70%. Anche il distretto di Olten, di cui fa parte Däniken, ha respinto il testo in votazione oggi, anche se in modo risicato (50,3%). Complessivamente, il cantone ha espresso un "sì" con il 50,6% dei voti.

Nel comune bernese di Mühleberg il progetto è stato bocciato dal 58% dei votanti. Il cantone ha invece detto di "sì" con il 56% dei suffragi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS