Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Religioni I segreti del più vecchio cimitero ebraico svizzero

Il più grande e antico cimitero ebraico della Svizzera si trova in un bosco discosto tra i comuni argoviesi di Lengnau e Endingen. Non è un caso che sia sorto in questo luogo isolato.  

Perseguitati ed espulsi da ogni regione della Confederazione a partire dal XIV secolo, gli ebrei ottennero nel 1622 il permesso di risiedere solo nei due comuni di Lengnau e Endingen, nella contea di Baden. 

L'ufficiale giudiziario di questa contea aveva deciso di tollerare la loro presenza, perché poteva esigere da loro imposte significative in cambio della protezione da lui offerta. Questa situazione durò ancora a lungo: fu solo nel 1866 che agli ebrei venne accordato il diritto stabilirsi in tutta la Svizzera. 

A quei tempi, gli ebrei potevano seppellire i loro morti solo su un'isoletta sul Reno. Siccome questo luogo, allora conosciuto come "l'isola ebraica", fu inondato e devastato più volte, nel 1750 gli ebrei chiesero di poter costruire un cimitero vicino ai loro comuni di residenza. Poterono così acquistare un terreno a metà strada tra Lengnau ed Endingen per 340 fiorini e costruire un sito funerario. 

Il cimitero è stato ampliato più volte. Oggi contiene circa 2700 tombe e dal 1963 è stato classificato come bene culturale di importanza nazionale.

Fatti e cifre 

In Svizzera vivono circa 20’000 ebrei, pari allo 0,4% della popolazione. A Endingen e Lengnau risiedono due famiglie ebree, mentre a metà del XIX secolo metà della popolazione era ebrea. Ancora oggi, entrambi i comuni hanno una sinagoga, ma nessuna chiesa.

Fine della finestrella

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.