Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Repentina uscita di scena del numero uno di Oerlikon

Thomas Limberger era il direttore generale di Oerlikon dal giugno del 2005

(Keystone)

Thomas Limberger, presidente della direzione del gruppo tecnologico elvetico Oerlikon, ha deciso - secondo l'azienda di propria volontà - di lasciare il suo incarico con effetto immediato.

Limberger è stato recentemente criticato per aver annunciato un reddito di oltre 26 milioni di franchi nel 2006. Un salario in seguito ridotto di due terzi.

Le ragioni delle dimissioni di Thomas Limberger - annunciate qualche ora prima dell'assemblea generale - non sono state precisate. Sembra ad ogni modo che ci fossero alcuni disaccordi con il presidente del consiglio d'amministrazione sulla strategia del gruppo.

In un comunicato, la ditta Oerlikon sottolinea che «quella di Limberger è stata una decisione propria, presa liberamente e in accordo con il consiglio di amministrazione».

La carica di presidente della direzione sarà affidata al tedesco Uwe Krüger, 42 anni, finora direttore operativo. «Questa successione interna garantirà la stabilità dell'azienda», si legge nella nota.

Limberger non lascerà comunque il gruppo, per il quale collaborerà in qualità di consulente.

Il passo indietro di Limberger

Limberger era recentemente salito alla ribalta della cronaca per aver dapprima reso noto la sua retribuzione supermilionaria (26 milioni nel 2006) e in seguito per aver rinunciato a parte di essa.

Dopo le dure critiche espresse dalla stampa svizzero tedesca, Limberger aveva rinunciato alle 40'000 opzioni che gli erano state attribuite, scambiandole con azioni di un valore totale di circa due milioni di franchi. Questo gesto si traduce con un salario 2006 definitivo pari a 7,7 milioni di franchi.

swissinfo e agenzie

In breve

La società austriaca di partecipazioni Victory ha acquisito, nel 2005, il gruppo tecnologico Unaxis, ribattezzato in seguito con il vecchio nome Oerlikon.

Victory è controllata in parti uguali dagli austriaci Georg Stumpf (presidente del consiglio di ammnistrazione di Oerlikon) e Ronny Pecik.

All'inizio di quest'anno, Oerlikon ha concluso il rilevamento della svizzera Saurer, la cui direzione operativa è stata affidata al CEO di Oerlikon, Thomas Limberger.

Grazie anche all'acquisizione di Saurer e alle successive ristrutturazioni, Oerlikon ha registrato un esercizio 2006 in aumento: la cifra d'affari è cresciuta del 42,7% a 2,29 miliardi di franchi, mentre l'utile netto è passato da 21 a 302 milioni di franchi.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.