Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Resteranno "dove non c'è campo" Svizzera, nel 2018 addio alle cabine telefoniche

(1)

Servizio del Quotidiano sull'addio, in Svizzera con particolare sguardo sul Ticino, alle cabine telefoniche.

Quest'anno si chiude in Svizzera un capitolo storico del cosiddetto 'servizio universale': le cabine telefoniche saranno gradualmente smantellate. Decade l'obbligo di averne almeno una per comune.

Qualche cabina resterà, specie dove non è disponibile una copertura alternativa. Ma il cambiamentoLink esterno è già evidente nelle opere pubbliche: la nuova, moderna e attrezzata stazione ferroviaria di Lugano -ad esempio- non ha telefoni pubblici.

Di 300 'Publifon' presenti in Ticino, non si sa esattamente quanti ne saranno smantellati e in quali mesi dell'anno.

Di certo, a fine 2018 ne resteranno una manciata perché, spiega la compagnia telefonica ex-monopolista Swisscom, tutti ormai hanno un telefono in tasca.

Immagine di una cabina telefonica riconvertita in 'bibliocabina' a Castel San Pietro

Nella Svizzera italiana, diverse cabine telefoniche sono già state riconvertite in luogo di scambio dei libri ('Bibliocabine'). Immagine d'archivio.

(© KEYSTONE / TI-PRESS / GABRIELE PUTZU)

Dal 2004, il numero di chiamate dalle cabine telefoniche è diminuito del 95%. La cornetta di alcuni apparecchi è alzata due o tre volte l'anno.

Pensare che, appena vent'anni fa, i Publifon erano stati dotati di elenco telefonico elettronico e lettore di carte di credito. Quelle recenti consentono pure l'invio di SMS.

Sembravano, insomma, destinate a tenere il passo. Invece, resisteranno soltanto in alcune regioni montane e laddove la comunità locale deciderà di preservarle.

(2)

Mappa delle 'bibliocabine' presenti in Ticino

tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 27.12.2017)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.