Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Risultato record per il gruppo ginevrino SGS

Nel 2008 SGS prevede di migliorare ulteriormente il proprio risultato

(Keystone)

La Société générale de surveillance, leader mondiale nelle ispezioni e certificazioni, ha realizzato lo scorso anno un utile di oltre mezzo miliardo di franchi, in crescita di oltre un quinto rispetto al 2006.

Un risultato ottenuto grazie alla buona congiuntura e agli investimenti effettuati negli ultimi anni, che dovrebbero permettere alla società ginevrina di migliorare ulteriormente il suo utile nel 2008.

Con un fatturato in crescita del 14,4% a 4,372 miliardi di franchi, il gruppo SGS registra un nuovo record d'esercizio. Questa cifra d'affari è in linea con la media delle attese degli analisti.

L'utile netto è dal canto suo cresciuto del 19,5% attestandosi a 515 milioni di franchi, mentre il risultato operativo (Ebit) del 10,6% a 690 milioni. È la sesta volta consecutiva che la multinazionale leader mondiale delle ispezioni e certificazioni migliora il proprio risultato.

"Le condizioni di mercato sono state soddisfacenti per tutti i poli di attività", si legge in un comunicato diffuso mercoledì. "Gli investimenti interni destinati ad ampliare la gamma dei servizi e a sviluppare la rete per rispondere in modo ancor più efficace alla domanda sono stati prioritari lo scorso anno. Ciò ha permesso al gruppo di realizzare una crescita interna del 12%".

I poli Industrial, Governments and Institutions, Minerals, Oli Gas & Chemicals, Environmental et Automotive hanno realizzato una crescita interna superiore al 10%.

La crescita è stata molto equilibrata: i risultati sono progrediti in ognuna delle dieci regioni dove è insediato il gruppo. La progressione è stata particolarmente forte nelle regioni dell'Europa occidentale, in Africa, Cina e Hong Kong, così come in Europa orientale e in Medio oriente, questo "grazie agli investimenti effettuati gli scorsi anni e a una congiuntura economicamente favorevole".

Dividendo e prospettive future

Il consiglio di amministrazione del gruppo proporrà all'assemblea generale degli azionisti, in calendario il prossimo 17 marzo, il versamento di un dividendo di 35 franchi per azione, 15 in più dell'anno scorso. Di tale somma 10 franchi saranno versati a titolo di dividendo straordinario.

Per l'esercizio in corso SGS prevede un ulteriore aumento di utili e volume d'affari. Il gruppo continua infatti a concentrarsi sulla crescita. "Le condizioni di mercato del 2007 hanno impedito a SGS di effettuare importanti acquisizioni, poiché i prezzi richiesti erano esorbitanti. Nel 2008 si prospettano tuttavia migliori condizioni", precisa il comunicato.

Proprio mercoledì la società ha reso noto due piccole acquisizioni. Si tratta di Alvey Group, impresa americana specializzata nei beni agricoli, e dell'australiana TASC, attiva nei servizi per i produttori di energia. La Alvey ha 68 dipendenti e nel 2007 ha realizzato un fatturato di 6,8 milioni di dollari. La TACS occupa 16 persone e per il 2007 ha indicato ricavi di 2,5 milioni di dollari australiani.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Fatturato: 4,37 miliardi (+14,4% rispetto al 2006)
Utile netto: 515 Mio. Fr. (+ 19,5%)
Risultato operativo (Ebit): 690 milioni (+10,6%)
Dividendo: 35 franchi per azione (2006: 20 fr.)

Fine della finestrella

In breve

La SGS è il leader mondiale nel settore del controllo e la certificazione dei prodotti in commercio.

È presente in 140 paesi con un migliaio di uffici e impiega oltre 50'000 persone.

La società, che ora ha sede a Ginevra, è stata fondata a Rouen (Francia) nel 1878 quale organo di verifica dei cereali provenienti per via marittima.

Registrata a Ginevra nel 1919, dal 1985 è quotata alla Borsa svizzera.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×