Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Fermato in aeroporto mentre cercava di imbarcarsi su un volo diretto in Cina. L'ex dipendente di Apple Xiaolang Zhang è stato arrestato dall'Fbi con l'accusa di aver rubato segreti commerciali relativi al programma di auto autonome di Cupertino.

KEYSTONE/EPA AAP/JOEL CARRETT

(sda-ats)

Fermato in aeroporto mentre cercava di imbarcarsi su un volo diretto in Cina. L'ex dipendente di Apple Xiaolang Zhang è stato arrestato dall'Fbi con l'accusa di aver rubato segreti commerciali relativi al programma di auto autonome di Cupertino.

Un fermo che piomba sui rapporti già tesi fra Stati Uniti e Cina, impegnate in una guerra a suon di dazi innescata dalla volontà americana di difendere la proprietà intellettuale delle sue aziende.

Zhang è stato assunto da Apple nel 2015 per lavorare al progetto per lo ''sviluppo di software e hardware da usare nelle auto autonome''. Il 30 aprile scorso Zhang ha rassegnato le sue dimissioni a Cupertino, spiegando di voler tornare in Cina per essere più vicino alla sua famiglia e per andare a lavorare a Xiaopeng Motors, start up per le auto elettriche.

Ma prima di lasciare ufficialmente l'incarico ha - secondo l'accusa - scaricato informazioni dal database di Apple sulle auto senza guidatore: 40 gigabyte copiati sul computer di sua moglie. E per questo 'furto' è stato arrestato all'aeroporto di San Jose il 7 luglio. Zhang ha ammesso con Apple di essersi portato a casa un server Linux appartenente a Cupertino e di aver trasferito i dati sul portatile della consorte, con l'obiettivo di esaminare i dati per migliorare le sue conoscenze e nell'auspicio di poter ottenere un nuovo posto di lavoro ad Apple in futuro.

Le accuse di furto riguardano solo Zhang e non la società cinese che lo aveva appena assunto: Xiaopeng Motors, dicendosi ''sorpresa e indignata'', smentisce seccamente di aver ''condiviso'' informazioni con il suo nuovo dipendente. E anzi precisa di aver già chiuso i rapporti con Zhang dopo un'indagine interna condotta dallo studio legale Morrison and Foerster e di essere impegnata a collaborare con l'Fbi sul caso.

''Non ci sono indicazioni che abbia mai comunicato informazioni riservate da Apple a XMotors - afferma la start up cinese -. Siamo molto preoccupati: abbiamo sempre rispettato strettamente le leggi della Cina e degli Stati Uniti e prendiamo la tutela dei diritti della proprietà intellettuale molto seriamente''.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS