Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Salto nella storia olimpica

Simon Ammann presenta le sue medaglie all'aeroporto di Zurigo

(Keystone)

Simon Ammann è tornato a casa con due medaglie d'oro al collo e due record in tasca: è l'unico saltatore con gli sci ad aver vinto quattro ori olimpici individuali ed è l'unico atleta svizzero ad essersi imposto quattro volte alle olimpiadi invernali. Intervista.

Per una volta, Simon Ammann non è atterrato al momento giusto. L'aereo che venerdì l'ha riportato in Svizzera insieme a Michael Schmid – oro nello ski cross – aveva due ore di ritardo. Ma ritardo e jet lag non hanno rovinato la festa dei campioni olimpici, accolti all'aeroporto di Zurigo da una folla festante e dal tradizionale suono dei campanacci.

Ammann, che indossava i suoi occhiali da sole portafortuna e acchiappa simpatie, ci ha rilasciato un'intervista in cui spiega cosa si prova a diventare il primo saltatore a mettere a segno una doppia doppietta.

swissinfo.ch: Che effetto le fa questa accoglienza calda e rumorosa?

Simon Ammann: Fino a dieci minuti prima dell'atterraggio dormivo. Uscire dall'aereo e vedere la mia ragazza e i miei genitori è stata una sorpresa. Sono senza parole.

Poi la presenza di tutti questi fan [400 persone, ndr.] è il massimo. Mi godo la festa molto più di otto anni fa. Allora non sapevo cosa mi aspettava. Ora posso condividere i momenti eccezionali con i miei sostenitori, vecchi e nuovi, ed è una sensazione grandiosa.

swissinfo.ch: Quando ha cominciato a saltare, immaginava che un giorno avrebbe vinto quattro ori olimpici?

S. A.: Realizzare due volte la doppietta è molto più di quanto io abbia mai osato sperare. È incredibile.

I primi giochi olimpici che ho seguito sono stati quelli di Lillehammer, nel 1994, e mi ricordo il volo del tedesco Jan Weissflog, che s'impose una seconda volta [nel salto dal grande trampolino, ndr.] dieci anni dopo il suo primo successo. M'impressionò molto.

Weissflog disse anche che era importante concentrarsi sul salto piuttosto che sul risultato. Parole che nel corso della mia carriera mi hanno aiutato a focalizzare l'attenzione sulle cose essenziali.

swissinfo.ch: Simon Ammann ci regalerà altre medaglie d'oro e altri oggetti di culto come i suoi occhiali?

S. A.: Aspettiamo e vediamo.

E per quanto riguarda gli occhiali, sono sempre molto sorpreso nel constatare quanta attenzione suscitino cose che di per sé sono estranee allo sport. È stato lo stesso otto anni fa, con la mia immagine di Harry Potter.

È bellissimo poter condividere tutto questo, i miei successi, con il resto del mondo. È uno degli straordinari privilegi che ti concede lo sport.

swissinfo.ch: Quanto le è pesata l'azione della squadra austriaca che dopo il successo nel salto dal trampolino corto l'ha accusata di aver montato sugli sci degli attacchi non conformi al regolamento?

S. A.: Nel corso degli anni ho imparato che ci sono molti modi di mettere pressione sugli atleti. I media ne scoprono sempre di nuovi. Il salto con gli sci dovrebbe rimanere uno sport per gentiluomini.

Alla fine, al cancelletto di partenza, ogni concorrente è da solo. Nessuno può sedersi accanto a lui. È lì per saltare ed è stato preparato per farlo. La sua prestazione sarà sempre l'ultima risposta a questo tipo di discussioni.

swissinfo.ch: Quanto diversa è stata l'esperienza di Vancouver rispetto a quella di Salt Lake City nel 2002?

S. A.: È andata addirittura meglio, perché è sempre difficile ripetersi.

La terza medaglia d'oro mi ha riempito di emozioni. Ma, anche se ero cosciente dell'importanza dei giochi, prima del salto ero abbastanza calmo.

Sul trampolino lungo ero un po' meno impermeabile allo stress, perché sapevo che con quel salto potevo entrare nella storia. Non avevo mai avuto prima un'occasione simile.

swissinfo.ch: Cosa passa per la sua testa quando spicca il volo con gli sci?

S. A.: Quando il salto è perfetto, sulla rampa di lancio mi sento un razzo. Sono in equilibrio e al momento dello stacco dal trampolino mi rilasso immediatamente e volo.

È proprio come la gente s'immagina che dovrebbe essere: il peso non si sente più, si percepiscono solo l'aria e l'accelerazione. Il corpo è attraversato da una scarica d'adrenalina e... wow, un saltatore con gli sci vive per quei momenti.

Matthew Allen, aeroporto di Zurigo, swissinfo.ch
(traduzione, Doris Lucini)

Record

Simon Ammann ha scritto il suo nome nel libro dei record il 20 febbraio 2010 a Whistler, quando è diventato il primo saltatore con gli sci ad aver vinto quattro medaglie d'oro nelle gare olimpiche individuali.

Per due volte, Salt Lake City 2002 e Vancouver 2010, Amman ha fatto una doppietta: oro dal trampolino corto e da quello lungo.

Nessun altro atleta svizzero ha mai vinto quattro medaglie d'oro ai giochi olimpici invernali.

Fine della finestrella

Alti e bassi

Simon Ammann è nato il 25 giugno 1981 a Grabs, nel Canton San Gallo. Ha debuttato in Coppa del mondo nel 1998, a 16 anni. Il 1998 è anche la data della sua prima partecipazioni alle olimpiadi (Nagano).

Nel 2002 a Salt Lake City sorprende tutti conquistando l'oro dal trampolino normale e da quello lungo. Gli occhialini rotondi, la faccia da ragazzino e il mantello argentato in dotazione agli atleti svizzeri gli valgono il soprannome di Harry Potter.

Segue un periodo difficile che culmina con la disfatta alle olimpiadi di Torino, nel 2006. L'anno successivo, Ammann si riprende e torna tra l'élite mondiale: oro dal trampolino lungo ai mondiali del 2007, argento dal trampolino normale; bronzo ai mondiali del 2009 dal trampolino normale. Secondo nella classifica di coppa del mondo nel 2009 e attuale leader della stagione in corso.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.