Navigation

La sigaretta elettronica equiparata ad altri derivati del tabacco

In Svizzera un quarto della popolazione fuma. Circa l'1,6% usa sigarette elettroniche. © Keystone / Christian Beutler

La Svizzera si allinea all'Unione Europea ed elabora nuove norme per le sigarette elettroniche, che ora sono considerate alla stregua di altri prodotti a base di tabacco. Ciò non impedirà alla Svizzera di rimanere il paese in Europa dove le sigarette sono meno regolamentate.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 dicembre 2020 - 10:28

Vietata la vendita di sigarette ai minori di 18 anni e il consumo in aree chiuse accessibili al pubblico, restrizioni pubblicitarie: le sigarette elettroniche, con o senza nicotina, saranno soggette agli stessi requisiti delle sigarette convenzionali. Il Parlamento svizzero sta attualmente esaminando la nuova legge sui prodotti del tabaccoLink esterno e ha voluto includere tutte le alternative disponibili sul mercato: sigarette elettroniche, tabacco riscaldato e tabacco da fiuto.

Le due camere del Parlamento hanno ancora importanti divergenze da risolvere prima che la bozza possa essere approvata, ma hanno già respinto tutti i tentativi di escludere la sigaretta elettronica da questi nuovi vincoli. Hanno così seguito l'Unione Europea, che nel 2014Link esterno ha emanato una serie di requisiti relativi alla composizione, alle avvertenze e alla pubblicità delle sigarette elettroniche. Molti paesi vanno oltre la direttiva europea e vietano la vendita di questi prodotti a persone di età inferiore ai 18 anni. La Germania vieta ai minori di consumare sigarette elettroniche, mentre la Francia ha vietato ogni pubblicità per la vaporizzazione.

Contenuto esterno

Un prodotto meno nocivo

Dalla sua comparsa in Svizzera circa dieci anni fa, la sigaretta elettronicaLink esterno ha lo status giuridico di "prodotto normale" ed è soggetta alla legge svizzera sulle derrate alimentari. Non è sottoposta alla legislazione sui prodotti del tabacco e può quindi essere venduta ai minori, utilizzata in luoghi pubblici ed essere oggetto di promozione pubblicitaria. È soggetta solo a un'aliquota IVA dell'8% Tuttavia, i rappresentanti dell'industria hanno adottato un codice di condotta in cui si impegnano a non vendere sigarette elettroniche ai minori.

La nuova legge equipara le sigarette elettroniche ai prodotti del tabacco, cosa di cui i rappresentanti del settore si rammaricano. "Si tratta di un dispositivo sostitutivo che è circa il 95% meno dannoso di una normale sigaretta", dice Isabelle Pasini, presidente dell'Associazione professionale romanda dei vaporizzatori (ARPVLink esterno). "È una novità, quindi non può che destare preoccupazione. Ma c'è una tale amalgama tra tabacco e nicotina che la nostra lotta è un po' come quella di Davide contro Golia".

Il consumo di tabacco in Svizzera e le sue conseguenze

Un quartoLink esterno della popolazione svizzera fuma e ogni anno muoiono 9'500 persone a causa di malattie causate dal fumo: cancro, malattie cardiovascolari e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). I costi sociali legati al consumo di tabacco sono stimati a circa 4 miliardi di franchi, pari allo 0,6% del PIL.

Si stima che l'1,6% della popolazione abbia usato una sigaretta elettronica nell'ultimo mese. Questo tasso sale al 12% tra le giovani donne sotto i 15 anni e al 20% tra i giovani uomini.

End of insertion

Per Isabelle Pasini è importante avere una regolamentazione differenziata per la sigaretta elettronica. I venditori vorrebbero in particolare continuare a poter far testare i loro prodotti nei loro negozi, anche se si tratta di un luogo accessibile al pubblico. La tassa potrebbe anche essere più bassa per le sigarette elettroniche, perché il Parlamento vuoleLink esterno che la nuova base giuridica permetta di tassare questi prodotti in modo da tenere conto di un rischio possibilmente più basso e prevedere un'aliquota più bassa.

Significativo potenziale di dipendenza

"Le sigarette elettroniche sono probabilmente molto meno dannose delle sigarette convenzionali, ma quanto meno dannose? Lo sapremo solo a lungo termine", spiega Markus Meury, portavoce di Dipendenze SvizzeraLink esterno. A suo parere, il calcolo delle emissioni dei prodotti non è sufficiente, perché l'effetto sul corpo umano non è mai lineare rispetto al volume delle tossine. "I prodotti attualmente sul mercato hanno probabilmente un potenziale di dipendenza quasi pari a quello delle sigarette convenzionali", aggiunge Markus Meury.

Uno degli argomenti avanzati dal governo e dal Parlamento a favore dell'inclusione delle sigarette elettroniche nei prodotti del tabacco è la protezione dei giovani. "Gli studi dimostrano che molti giovani iniziano a fumare, e che c'è davvero un effetto di passaggio alla sigaretta classica", conferma Markus Meury. "La nicotina è una delle sostanze che crea più dipendenza, seconda solo all'eroina".

Un giovane vorrà sempre provare ciò che è proibito, ma questo non significa che inizierà a fumare. Preferiamo mettere delle protezioni sulle vendite. I minorenni non entrano nei nostri negozi, ma riescono a comprare le sigarette elettroniche nelle stazioni di servizio o nei chioschi."

Un dispositivo per smettere di fumare?

Per il presidente dell'ARPV, invece, c'è un effetto di passaggio nell'altro senso, con molti fumatori che si rivolgono alla sigaretta elettronica per smettere di fumare e consumare un prodotto meno nocivo. Un meccanismo riconosciuto da Dipendenze Svizzera: "Se una persona non può fare a meno della nicotina, le consigliamo di convertirsi alla sigaretta elettronica", dice Markus Meury. "Ma la classica sigaretta è così attraente, così presente nella pubblicità, così accessibile e così poco costosa che i consumatori sono poco incentivati a convertirsi alla vaporizzazione".

Il portavoce sottolinea che la Svizzera è il paese europeo in cui le sigarette sono meno regolamentate. Era ancora penultimo quando è stato pubblicato il rapporto Tobacco Control ScaleLink esterno 2019, ma la Germania ha adottato nuove misure e ora lo ha superato. La Svizzera è in linea di principio favorevole a una regolamentazione differenziata tra le sigarette elettroniche e gli altri prodotti del tabacco, ma solo se tutti quelli contenenti nicotina sono tassati, se i prezzi dei prodotti che bruciano o riscaldano il tabacco aumentano massicciamente, se la pubblicità è vietata, se le confezioni sono neutre e se si rafforza l'aiuto per smettere di fumare. Tuttavia, la nuova legge in discussione in Parlamento non va in questa direzione. "La Svizzera rimarrà probabilmente in fondo alla classifica europea", prevede Markus Meury.

La Svizzera ratificherà finalmente la Convenzione quadro dell'OMS per la lotta contro il tabagismo?

180 paesi hanno già ratificato la convenzione quadroLink esterno dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per il controllo del tabacco. La Svizzera ha firmato questo trattato nel 2004, ma non è stata in grado di adempiere ai suoi impegni a causa della riluttanza del Parlamento a limitare la pubblicità. Sul territorio svizzero ci sono molte aziende produttrici di tabacco (JTI, BAT, PMI) che fanno pressione sui rappresentanti eletti. Un primo tentativo del governo di vietare la pubblicità in Svizzera è fallito in Parlamento nel 2016.

Ora la nuova versione è in discussione e la situazione è cambiata un po' con la presentazione, lo scorso anno, dell'iniziativa popolare "Sì alla protezione dei bambini e dei giovani dalla pubblicità del tabacco". Per evitare una votazione federale su questo tema, i rappresentanti eletti hanno deciso di inasprire il testo della legge per avvicinarlo alle esigenze dell'OMS. Tuttavia, le due camere non sono d'accordo sui mezzi di comunicazione sui quali deve essere vietata la pubblicità e sulle condizioni da rispettare per poter sponsorizzare un evento. La suspense rimane quindi fino alla prossima sessione nella primavera del 2021.

End of insertion
Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.