Sarà abolito all'inizio dell'anno prossimo lo statuto di funzionario

I negoziati tra sindacati e Confederazione sulla nuove condizioni di lavoro si sono svolti in un clima disteso Keystone Archive

già all'inizio del 2002. Le parti sociali hanno infatti concordato le condizioni di lavoro dei circa 30'000 impiegati della Confederazione, la cui categoria sarà disciplinata dalla nuova legge sul personale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 aprile 2001 - 15:26

Il Consiglio federale dovrebbe approvare in maggio le ordinanze di applicazione della legge, annuncia martedì il Dipartimento federale delle finanze. I particolari della nuova normativa saranno comunicati il mese prossimo.

In linea generale si può già dire che la portata della nuova legge va oltre l'ambito definito dal Consiglio federale in dicembre, per esempio per quanto riguarda il congedo maternità e gli assegni per figli.

Il governo aveva stabilito in dicembre che il salario minimo della categoria ammonta a 38'000 franchi l'anno. La durata minima delle vacanze ed il tempo massimo di lavoro sono equiparate alle condizioni già vigenti nel settore privato. Un assegno minimo di 3'800 franchi l'anno è previsto per il primo figlio, somma che passa a 2'400 franchi per ogni figlio successivo.

Secondo il sindacato Transfair, l'abolizione dello statuto di funzionario non dovrebbe comportare il rischio di dumping salariali e sociali. I negoziati si sono svolti in un clima disteso e consensuale, ha sottolineato da parte sua Peter Hablützel, direttore dell'Ufficio federale del personale.

La nuova normativa sul personale è stata accettata in votazione popolare il 26 novembre scorso. Essa è già in vigore dall'inizio dell'anno per il personale delle FFS e lo sarà dalla prossima estate per i dipendenti della Posta. Negoziati sono in corso per un nuovo contratto collettivo della categoria.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo