Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il laser europeo sarà anche svizzero

I ricercatori elvetici dovrebbero partecipare pienamente all'installazione europea di ricerca XFEL ad Amburgo (D). Il governo ha chiesto oggi al parlamento di approvare la convenzione per la costruzione e la gestione di questa infrastruttura unica al mondo.

Il laser europeo a elettroni liberi a raggi X deve permettere alla scienza un'osservazione inedita della struttura delle molecole e della loro formazione. Questo consentirà, fra l'altro, di meglio comprendere i processi chimici e, si spera, di acquisire conoscenze fondamentali utili, ad esempio, per lo sviluppo di nuovi principi attivi nel campo della medicina.

La costruzione dell'impianto è cominciata all'inizio del 2009 sul sito del sincrotrone tedesco DESY ad Amburgo. A fianco della Germania partecipano al progetto Cina, Danimarca, Francia, Grecia, Italia, Polonia, Russia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Ungheria e Svizzera.

I costi complessivi stimati per l'infrastruttura si aggirano sul miliardo e mezzo di franchi e l'entrata in esercizio è prevista per il 2015.

La Confederazione intende per il momento partecipare fino al 2015 alla costruzione dell'impianto XFEL con 26,7 milioni di franchi. Questo importo è già stato approvato dal parlamento nel 2007.

Per lo sviluppo e la realizzazione del contributo in natura da parte della Svizzera è responsabile l'Istituto Paul Scherrer IPS. Ci si attende inoltre che la costruzione dell'impianto XFEL comporti commesse per l'industria svizzera.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×