Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Tecnologie mediche Radiografie dimenticate in un angolo



In Africa, l'attrezzatura medica all'avanguardia viene troppo spesso abbandonata in un angolo.

In Africa, l'attrezzatura medica all'avanguardia viene troppo spesso abbandonata in un angolo.

(AFP)

Anche le migliori intenzioni talvolta possono risolversi in un fiasco. Come mai quasi tre quarti dell'attrezzatura medica inviata ai paesi in via di sviluppo si rivela inutile? Le spiegazioni di Beat Stoll, medico appassionato di Africa e cofondatore della fondazione EssentialMed.

È grazie a un gemellaggio che Beat Stoll ha scoperto il Camerun. Medico all'ospedale di Vevey, negli anni Novanta parte per uno stage di tre anni, con condizioni di lavoro e salario africani. Al suo ritorno, si specializza in sanità pubblica e lavora tra Ginevra e Basilea, sede dell'Istituto tropicale svizzero (TPH).

Due o tre volte l'anno, torna però in Camerun. E proprio durante uno di questi viaggi, in compagnia di Klaus Schönenberger – dottore in microtecnica al politecnico di Losanna (EPFL) -, Beat Stoll si convince della possibilità di sviluppare un apparecchio di diagnostica per immagini, adattato alle condizioni dei paesi in via di sviluppo.

Con l'ingegnere Bertrand Kleiber, Beat Stoll e Klaus Schönenberger lanciano nel 2009 la fondazione EssentielMed, all'origine del progetto EssentialTech, che nei prossimi due anni dovrebbe presentare il primo prototipo di macchina che combina raggi X ed ecografia.

Fatti e cifre

Il 13 per cento della popolazione mondiale utilizza il 76 per cento del totale degli apparecchi medici. Questo mercato rappresenta circa 200 miliardi di dollari a livello mondiale.

Due terzi dell'umanità non ha accesso alla diagnostica per immagini.

Nell'Africa subsahariana, il 70 per cento dell'apparecchiatura medica non viene utilizzata. In un terzo dei casi, il problema è legato alla carenza di rete elettrica.

L'apparecchio di diagnostica per immagini progettato da EssentialTech, che combinerà raggi X ed ecografia, dovrebbe durare dieci anni, costare fino a dieci volte meno delle macchine esistenti (50'000 dollari invece di 500'000) e avere un'autonomia di almeno cinque ore in caso di problemi alla rete elettrica.

Questa tecnologia dovrebbe permettere di coprire dall'80 al 90 percento dei bisogni in diagnostica per immagini degli ospedali che l'utilizzeranno.

(Fonte: Oms e EssentialMed)

Fine della finestrella

swissinfo.ch: Secondo l'OMS, fino al 70 per cento degli apparecchi medici inviati in Africa non funziona. Perché un tale spreco?

Beat Stoll: Ci sono diversi scenari possibili. Immaginiamo di essere all'ospedale di Yverdon, Coira o Mendrisio. Un giorno, il signor Philips o il signor Siemens viene a dirci che tra poco non esisteranno più pezzi di ricambio per il nostro apparecchio di radiologia e che se vogliamo continuare a usufruire di questo servizio, vale la pena sostituirlo. Dato che l'attrezzatura è ammortizzata, decidiamo di prendere una nuova macchina. Al consiglio dei medici, qualcuno suggerisce di offrire la vecchia a un ospedale africano. Perfetto… Salvo che se non ci sono più pezzi di ricambio in Svizzera, non ce ne saranno certo in Camerun.

Questo è un primo problema, molto comune. Poi ci sono i rischi legati al trasporto su strada, lungo percorsi dissestati che possono danneggiare l'attrezzatura. E all'arrivo non ci sarà nessuno in grado di ripararla.

L'altro scenario è il seguente. Una volta, in Mali, ho visto dieci ospedali distrettuali riforniti di materiale radiologico. Per l'occasione, è stato costruito un nuovo edificio in grado di ospitare l'attrezzatura. Ma è stato dimenticato il fattore elettricità. Laggiù, ci sono soltanto alimentazioni da 220 volt, monofasi, mentre ci vorrebbero sistemi trifasi. In cinque anni, questo apparecchio nuovo fiammante, non è dunque mai stato utilizzato.

Infine, per tornare al Camerun, quando affrontiamo il discorso con il ministero della salute, ci sentiamo spesso dire: «Abbiamo 65 modelli diversi di macchine per le radiografie e le ecografie nel paese, come potete pretendere che ci siano anche tutti i pezzi di ricambio?». Ciò di cui avrebbero bisogno, è una gamma di macchine fatte su misura. Come accade per i taxi a Yaoundé: circolano solo Toyota, a migliaia, e tutti sono in grado di ripararle e hanno gli strumenti per farlo.

(essentialmed.org)

swissinfo.ch: Ha osservato anche delle lacune nel sistema di formazione?

B. S.: Sì. Ed è un problema serio, soprattutto per quanto riguarda la tecnologia medica. Se si permette a medici ed infermieri senza formazione di fare delle radiografie, si rischia di irradiare il personale e i pazienti. In Camerun, l'agenzia nazionale di radioprotezione è talvolta costretta a vietare l'uso di apparecchi a raggi X, perché nessuno in ospedale sa come farli funzionare correttamente. Non viene utilizzato il dosimetro, la stanza non ha pareti sigillate, i pazienti non portano i grembiuli di piombo…

swissinfo.ch: Da qui nasce la necessità di un approccio diverso, che va oltre la semplice vendita di macchine…

B. S.: In Svizzera siamo estremamente viziati e godiamo di una copertura sanitaria molto ampia. Anche il più piccolo ospedale regionale ha eccellenti specialisti. Nei paesi in via di sviluppo invece ci sono ospedali all'avanguardia nella capitale, mentre quelli discosti sono spesso confrontati con carenze di personale e equipaggiamento.

È a questo livello che bisogna intervenire, in modo da poter rafforzare il sistema sanitario a livello distrettuale, là dove vengono dispensate le cure di base. Assieme al professore di radiologia dell'università di Yaoundé, stiamo riflettendo sulla formazione dei tecnici specialisti, ma anche dei medici, che devono apprendere ad interpretare questi esami. È fondamentale. Altrimenti che senso ha distribuire simili attrezzature se nessuno sa leggerne i risultati. E mi creda, ci sono già molte cose che stanno cambiando in Camerun grazie al nostro progetto.

swissinfo.ch: Il vostro apparecchio di diagnostica per immagini concepito per i paesi in via di sviluppo potrebbe interessare anche quelli industrializzati?

B. S.: Certamente. Negli ospedali universitari di Losanna e Ginevra c'è già chi ci ha detto: "Il giorno in cui sarà disponibile, ne compreremo tre. Per i casi urgenti".  Nel loro servizio, di fatto, non hanno bisogno di apparecchi sofisticati, in grado di fare dieci immagini al secondo. E anche più a sud – in paesi come l'Italia, la Spagna o il Portogallo, duramente colpiti dalla crisi economica – saranno in molti ad essere felici. In Asia centrale, poi, alcuni ci hanno già detto che è esattamente ciò di cui hanno bisogno. Se aggiungiamo il marchio svizzero,  questa macchina – in grado di fare l'essenziale – sarà particolarmente interessante per questi mercati.

Perché la radiologia?

«Dagli anni Settanta, l'OMS ha identificato la mancanza di accesso alle diagnosi con i raggi X come un problema grave. Ha riunito i diversi attori coinvolti e sono state trovate soluzioni fattibili, sotto forma di apparecchia basso costo. Ma le compagnie che le fabbricano hanno comunque cercato di promuovere i modelli più cari. Le altre macchine sono dunque state rapidamente tolte dai cataloghi», spiega Klaus Schönenberger, responsabile del progetto EssentialTech.

Fine della finestrella


(Traduzione dal francese, Stefania Summermatter), swissinfo.ch


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×