Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

#WeAreSwissAbroad – Eva Hefti Alla scoperta dell'ignoto

Donna e sullo sfondo spiaggia e mare.

Eva Hefti sulla spiaggia della Smugglers Bay, presso Whangarei Heads. La baia è raggiungibile solo a piedi.

(zVg)

Eva Hefti ha osato la grande avventura e si è trasferita con la famiglia in Nuova Zelanda, dove non aveva mai messo piede in precedenza. Dalla Svizzera, suo marito aveva trovato un impiego e, grazie alla riduzione dell'orario di lavoro, ora ha più tempo per la famiglia. La 39enne bernese apprezza particolarmente il clima del paese dei kiwi.

swissinfo.ch: Quando e perché ha lasciato la Svizzera?

Eva Hefti: Noi (io, mio marito e i nostri tre figli) siamo andati in Nuova Zelanda nel giugno 2017 con un biglietto di sola andata (senza esserci mai stati prima). Mio marito Tom già da anni desiderava trasferirsi per un certo periodo all'estero allo scopo di ampliare il suo orizzonte professionale. Dato che i nostri gemelli non erano più bambini piccoli, anch'io me lo potevo immaginare.

Le opinioni espresse in questo articolo, tra cui quelle riguardanti il paese ospitante e la sua politica, rispecchiano la visione della persona intervistata e non corrispondono necessariamente alla posizione di swissinfo.ch.

Fine della finestrella

Siamo capitati per caso sulla Nuova Zelanda: ho letto un blog di una famiglia che si era trasferita in Nuova Zelanda. Ci ha molto allettati. Dopo alcune ricerche abbiamo scoperto che in questo paese la professione di mio marito è molto ricercata. Dalla Svizzera ha quindi cercato un impiego e nel giro di tre mesi ha concluso un contratto di lavoro. Sei mesi dopo ci siamo recati in Nuova Zelanda.

swissinfo.ch: È stato un viaggio senza ritorno o intendete tornare in Svizzera?

E. H.: Abbiamo previsto un soggiorno di circa due anni, poi probabilmente ritorneremo in Svizzera.

Una donna seduta su una panchina a fianco di un uomo e tre bambini che mangiano coni di gelato.

"Il gelato ha sempre successo! Town Basin nella nostra città di Whangarei."

(zVg)

swissinfo.ch: Lei che lavoro svolge? Come sta andando?

E. H.: Qui non svolgo alcuna attività retribuita. La maggior parte del tempo sono insieme ai miei figli. Tuttavia, insieme a degli amici, continuo ad occuparmi della nostra rivista online Kleinastadt.ch.

Questo lavoro mi aiuta a trovare un buon equilibrio e, contrariamente ai miei timori iniziali, il lavoro di squadra sull'arco di 12 fusi orari è abbastanza fattibile.

swissinfo.ch: Dove vivete precisamente in Nuova Zelanda? Com'è la vita lì?

E. H.: Viviamo nel nord della Nuova Zelanda, circa 2,5 ore e mezza a nord di Auckland, nella piccola città di Whangarei, la capitale della regione del Northland. Qui si trova tutto ciò di cui si ha bisogno, ma a differenza di Berna, l'offerta culturale (musei, mostre, ecc.) e la scelta di prodotti di alta qualità sono molto più ristrette.

La nostra vita quotidiana qui non è molto diversa da quella in Svizzera, ma le giornate lavorative di mio marito sono molto più corte. Dunque trascorriamo molto più tempo in famiglia, ad esempio in spiaggia o nella natura.

Tre mambini seduti in una spiaggetta di un'insenatura tra le rocce.

Aspettando l'alta marea a Waipu Cove Beach.

(zVg)

swissinfo.ch: Cosa considera più attraente in Nuova Zelanda che in Svizzera?

E. H.: La vastità e le bellissime spiagge deserte come pure il clima piacevole, che apprezziamo molto. Inoltre, la mentalità qui è generalmente meno complicata che in Svizzera, "no worries" è la frase standard dei neozelandesi.

La bassa densità di popolazione, la mancanza di trasporti pubblici e l'isolamento sono probabilmente le maggiori differenze rispetto alla Svizzera.

Una donna e due bambini che giocano nell'acqua del mare vicino alla spiaggia.

L'alta marea arriva: dove poco prima c'era ancora la spiaggia, adesso si può giocherellare nell'acqua... Rangiputa, sulla penisola di Karikari.

(zVg)

swissinfo.ch: Come vede la Svizzera guardandola da lontano?

E. H.: Come siamo privilegiati in Svizzera con il nostro elevato benessere. E d'altra parte anche che spesso abbiamo un approccio troppo perfezionista e molte cose potrebbero essere fatte con un po' meno sforzo.

swissinfo.ch: Si sente piuttosto come una straniera o bene integrata in Nuova Zelanda?

E. H.: Benché io parli correntemente l'inglese, ho già notato che non è così facile come nella mia lingua madre tenere conversazioni con contenuti profondi. Questo a volte mi inibisce.

E anche se abbiamo fatto amicizie, è diverso stare con persone che ti conoscono solo da poco tempo.

I piedi di cinque persone i cerchio, fotografati dall'alto.

Andare a piedi nudi in Nuova Zelanda è la normalitä. Anche a scuola molti allievi sono scalzi.

(zVg)

swissinfo.ch: Cosa le piace di più della sua vita quotidiana all'estero?

E. H.: Non aver bisogno di indumenti invernali, il sole che splende così spesso, poter andare al mare in qualsiasi momento, il fatto che i nostri figli possano conoscere una nuova cultura e una nuova lingua.

Ein Offroader fährt auf einem Strand

Strandfahrten sind in Neuseeland vielerorts erlaubt. Hier an der Shipwreck Bay, Ahipara.

(zVg)

swissinfo.ch: Partecipa alle elezioni e alle votazioni in Svizzera?

E. H.: Sì, alla maggior parte delle votazioni e delle elezioni partecipo tramite l'e-voting.

swissinfo.ch: Cosa le manca di più della Svizzera?

E. H.: I trasporti pubblici ben sviluppati, il buon pane e, naturalmente, i nostri parenti ed amici.

Una foresta.

"Una magnifica foresta a Rangiputa, sulla penisola di Karikari".

(zVg)

Siete svizzeri residenti all’estero? Segnate le vostre foto su Instagram con #WeAreSwissAbroadLink esterno.


Foto Instragram

Rendete visibile la Quinta Svizzera nel mondo: contrassegnate le vostre foto e i vostri video su Instagram con l’hashtag #WeAreSwissAbroad.

Noi selezioneremo le vostre immagini e le pubblicheremo sul conto Instagram di swissinfo.ch.

Vogliamo creare una piccola comunità virtuale e far conoscere i vostri ritratti e le vostre esperienze a tutti i connazionali che vivono in Svizzera e nel mondo.

(swissinfo.ch)



(Traduzione dal tedesco: Sonia Fenazzi), swissinfo.ch (l'intervista è stata fatta per iscritto)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Sondaggio

Umfrage

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.