Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Soddisfazione quasi unanime dei partiti

La maggior parte dei partiti svizzeri, ad eccezione dell'Unione democratica di centro (UDC) e dei Democratici svizzeri, ha accolto con favore il risultato del voto sul «miliardo di coesione».

Reazioni favorevoli anche fra le organizzazioni che si sono impegnate nella campagna per la Legge sulla cooperazione con l'Europa dell'est.

Il presidente del Partito liberale radicale Fulvio Pelli ha espresso la sua soddisfazione, perché «un no avrebbe messo in discussione i rapporti con l'Ue e sopratutto con i paesi dell'est».

È raro che si chieda un'autorizzazione al popolo per l'aiuto allo sviluppo, ha detto Pelli, il quale ha notato che il risultato èstato forse più netto di quanto ci si poteva aspettare.

Il presidente del Partito popolare democratico Christophe Darbellay si è dichiarato dal canto suo «molto soddisfatto», poiché il risultato non era scontato. «È stata una lotta difficile», ha aggiunto.

Questo risultato è molto importante per l'economia svizzera, la sicurezza degli impieghi, la stabilità e la sicurezza in Europa, che sono anche la nostra stabilità e la nostra sicurezza, ha proseguito Darbellay.

Una Svizzera aperta e moderna

Il presidente del Partito socialista Hans-Jürg Fehr si è rallegrato dell'esito dello scrutinio. Questo nuovo «sì» ad una Svizzera aperta e moderna rappresenterebbe anche un ulteriore smacco per l'UDC, che in politica estera colleziona solo sconfitte, ha affermato Fehr.

Secondo il PS, il contributo della Svizzera alla coesione sociale ed economica dell'Europa rappresenta il prezzo da pagare per i benefici che il nostro paese otterrà dall'allargamento dell'UE e dalla conclusione degli accordi bilaterali.

Molto soddisfatti del «sì» anche i Verdi, secondo i quali il popolo svizzero ha sostenuto una politica volta, a livello internazionale, alla cooperazione piuttosto che all'isolazionismo egoista.

«L'isolazionismo non è una soluzione»

L'Unione sindacale svizzera (USS) si rallegra che i cittadini abbiano nuovamente sanzionato la destra isolazionista e nazionalista su un quesito importante di politica europea.

Per l'USS, la maggioranza della popolazione ritiene infatti che il nostro paese debba partecipare attivamente al processo d'integrazione europea e che l'isolazionismo non è una soluzione.

Questo «sì» è anche un «sì» all'economia svizzera, hanno indicato l'Unione svizzera degli imprenditori e economiesuisse. Il contributo allo sviluppo dei mercati emergenti dell'est va infatti a vantaggio anche della nostra economia.

Garantire l'aiuto allo sviluppo

Soddisfatta del risultato anche Alliance Sud, l'organizzazione federativa delle maggiori associazioni di aiuto allo sviluppo svizzere. Con la legge approvata dal popolo, l'aiuto ai paesi nei Balcani e nell'Asia centrale riceve una base legale solida.

Ora i tre partiti di governo che si sono schierati a favore della legge devono mantenere la loro promessa ed impegnarsi in parlamento affinché i soldi destinati ai nuovi paesi dell'Unione europea non siano sottratti all'aiuto allo sviluppo.

Delusione a destra

È un fine settimana deludente, ha invece dichiarato il presidente dell'Unione democratica di centro Ueli Maurer. L'UDC, sconfitta di misura, teme che il risultato odierno apra le porte a ulteriori contributi.

Secondo Maurer, l'UDC aveva a disposizione un budget limitato, i fautori hanno invece speso milioni. «Per questo motivo, il risultato che abbiamo ottenuto è eccellente», ha concluso.

Anche Hans Fehr, direttore dell'ASNI, deplora il «sì» del popolo svizzero al miliardo di coesione. La propaganda da «rullo compressore» per il «sì», costata milioni, non ha tuttavia avuto effetto su una gran parte della popolazione.

Contro i milioni investiti dai fautori del «sì» non avevamo nessuna possibilità, ha dichiarato da parte sua Bernhard Hess, presidente dei Democratici svizzeri (DS) alla Televisione svizzero tedesca.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza