Sport per tutti all'Expo.02

La gran timoniera dell'Expo.02, Nelly Wenger, a colloquio con Marco Blatter, direttore dell'associazione olimpica svizzera Keystone

- 265 giorni all'inaugurazione dell'esposizione nazionale. I veli che ancora circondano molti progetti vengono lentamente, scostati. In questo senso, giovedì, sono stati presentati gli Expogames.02: un vero e proprio festival degli sport, aperto a tutti, che culminerà con 6 settimane di giochi e gare durante l'Expo.02. Il primo torneo di qualificazione agli Expogames parte già il prossimo week-end ad Yverdon.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2001 - 12:48

Badminton, biathlon, biliardo, bocce, hockey su ghiaccio, scherma, parapendio, disc-golf (il vecchio freesbee che ha ormai cambiato nome), atletica, calcio-tennis, lotta, sci nautico, snowboard, tiro alla fune, ping pong, vela o lo sconosciuto tchoukball. Ecco solo alcune delle 57 discipline nelle quali il pubblico potrà cimentarsi nell'ambito di questo mega torneo.

Che non deve essere inteso come pura competizione: l'intento dei promotori, oltre all'Expo.02, l'Associazione olimpica svizzera e l'Ufficio federale dello sport, è quella di coinvolgere anche i classici sportivi "da poltrona", gli appassionati, gli handicappati, i bambini ed i curiosi di ogni età. Il tutto cercando di rendere ogni partecipante protagonista: accanto ai tornei veri e propri, sono previste delle dimostrazioni da parte di professionisti e/o sportivi d'élite e dei veri e propri corsi d'iniziazione per i principianti.

Nelly Wenger, presidente della direzione generale di Expo.02, ha sottolineato, pur definendosi tutt'altro che sportiva nel senso attivo del termine ("a meno che non si possa considerare uno sport dirigere l'Expo..."), come il mondo dello sport la affascini. Non tanto per le prestazioni eccezionali di questo o quell'atleta, ma "per la capacità dello sport di riunire, di creare emozioni e di far perseguire in modo coordinato obiettivi comuni, come succede nei giochi di squadra". Gli Expogames.02, dotati di un budget di circa 5 milioni di franchi, hanno dunque come principale scopo quello di mettere in risalto il gesto, il movimento, la grazia che, in molti casi, caratterizzano anche le prestazioni dei debuttanti. Oltre che di riunire.

Ovviamente però si tratta anche di una questione di attrattività. Come ha ricordato Marco Blatter, direttore dell'Associazione olimpica svizzera, "ben il 73 % della popolazione svizzera esercita, chi più chi meno, dell'attività sportiva. Uno svizzero su tre fa inoltre parte di una qualche associazione sportiva". L'Expo non poteva dunque tralasciare "questo fenomeno, allo stesso tempo multiculturale e trasversale nella società". Accanto agli Expogames, sono previste altre manifestazioni riguardanti l'attività fisica, tra le quali un'esposizione dedicata al corpo in movimento ed un Gigathlon che attraverserà la Svizzera dal 7 al 14 luglio 2002.


Sono ben 11 le "qualifications series" previste dagli organizzatori su tutto il territorio elvetico: dopo l'appuntamento di Yverdon (25-26 agosto, con circa un migliaio di iscritti), in dicembre sarà il turno di Davos, e poi via via Verbier, Gstaad, Tenero, Berna, Losanna, Küssnacht am Rigi, Basilea, Zurigo per terminare in giugno del 2002 a Weinfelden. Gli Expogames.02 raggiungeranno il loro culmine sull'arteplage di Yverdon (dall'11 luglio al 4 agosto e dal 15 al 18 agosto 2002) e su quella di Bienne (dal 7 all'11 agosto 2002) con le finali dei tornei, le dimostrazioni di sportivi di alto livello e le introduzioni per il pubblico. Nota dei promotori: sulle arteplages ci sarà anche la neve...

Come in occasione dei meeting di atletica, le diverse attività avranno luogo simultaneamente, assicurando così ai visitatori delle arteplages, grazie anche a schermi giganti appositamente installati, dei picchi d'interesse distribuiti sull'arco delle intere giornate.

La partecipazione ai tornei è aperta a tutti. Gli organizzatori suggeriscono comunque agli sportivi (veri e non) di iscriversi attraverso un club od una federazione. Tutte le informazioni del caso possono essere ottenute sul sito www.expogames.02.ch. Non resta dunque che l'imbarazzo della scelta: scacchi o pentatlon moderno? boxe o equitazione ? karatè o danza ?

Marzio Pescia

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo