Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Stampa euforica dopo il "miracolo di Durban"

Euforia rossocrociata nelle strade di Zurigo.

Euforia rossocrociata nelle strade di Zurigo.

(Keystone)

I giornali elvetici non risparmiano gli elogi nel descrivere la prestazione della nazionale svizzera di calcio, che mercoledì a Durban ha sconfitto i campioni europei della Spagna per 1 a 0.

"È una Svizzera da sogno", "Una rete per la storia", "Incredibile", "Svizzera al settimo cielo", "La Svizzera può sognare", "Grandioso".

I titoli apparsi sulle prime pagine dei giornali svizzeri di giovedì la dicono lunga sull'impresa compiuta dalla nazionale svizzera, capace di rovesciare ogni pronostico e di mettere in ginocchio i grandi favoriti del Mondiale sudafricano.

«Ci si credeva, senza crederci troppo; lo si sperava, senza troppo aspettarselo. Poi il miracolo di Durban si è avverato», scrive Le Matin, per il quale gli svizzeri sono entrati nella storia offrendo «un'eccezionale prestazione di bravura e intelligenza tattica».

«La vittoria storica di una Svizzera eroica», si legge sulla Tribune de Genève, che loda una squadra «ben organizzata e coraggiosa».

Svizzera nella storia

Per Le Temps, il successo sugli spagnoli - che non avevano mai perso contro gli svizzeri - costituisce «un'impresa monumentale».

L'1 a 0 di Durban, sottolinea Der Bund, è il «più grande successo della storia del calcio svizzero». Il foglio bernese loda in particolare la partita di Fernandes (autore della rete elvetica nel secondo tempo), Lichtsteiner, Barnetta e del portiere Benaglio, agile e sicuro tra i pali.

Mai dopo il Mondiale del 1954, ricorda il Corriere del Ticino, la Svizzera era riuscita a ottenere una vittoria contro un avversario di primo rango a questo livello della competizione.

Il successo elvetico contro una delle migliori squadre del secolo, constata il Blick, non ha sorpreso soltanto gli svizzeri, «ma tutto il mondo». Diversi media internazionali, tra cui la BBC, hanno infatti parlato della strepitosa vittoria rossocrociata.

Hitzfeld il condottiero

«Un portiere in stato di grazia, un'organizzazione senza lacune, la benedizione degli dei del calcio e un mago tedesco» sono bastati per creare la prima sensazione del torneo, ritiene Le Matin.

In parte criticato per il silenzio stampa degli ultimi giorni, l'allenatore Ottmar Hitzfeld è considerato dalla stampa il vero artefice del successo di Durban.

Il tecnico tedesco è uno «splendido condottiero che non ha sbagliato una mossa nella gestione della gara», scrive il Corriere del Ticino.

Per il 24 Heures, Hitzfeld conferma «la sua leggenda di allenatore di successo». Ci si meraviglia delle prestazioni di allenatori come Mourinho o Van Gaal e di come le loro squadre sono disposte durante gli incontri decisivi, indica il Blick: «Hitzfeld getta tutti questi allenatori nell'ombra».

«Hitzfeld ha azzeccato tutto, infondendo uno spirito combattivo nei suoi giocatori», commenta la Basler Zeitung.

La Spagna, che ha avuto un possesso palla del 63%, ha dal canto suo «peccato d'orgoglio», ritiene il 24 Heures, sottolineando che la nazionale iberica «si è dimenticata di aggiungere velocità e movimento alle sue magnifiche qualità individuali».

Tutto è possibile

Grazie ai tre punti conquistati mercoledì, la nazionale rossocrociata ha compiuto un passo importante verso la qualificazione per gli ottavi di finale.

«Ci sono tutti gli ingredienti per una splendida avventura», indica il Corriere del Ticino, per il quale la Svizzera si è messa addirittura nella condizione di poter vincere il suo girone.

«La Svizzera è ottimamente partita per prolungare il suo soggiorno sudafricano», concorda Le Matin, secondo cui «grazie a questi mercanti di sogni, tutto è possibile».

Ancor più ottimista il Blick, per il quale la Svizzera è in grado di «battere chiunque», a iniziare dal Cile, prossimo avversario della Svizzera.

Luigi Jorio, swissinfo.ch

Gruppo H

Honduras - Cile 0:1 (0:1)
Reti: 34' Beausejour

Spagna - Svizzera 0:1 (0:0)
Reti: 52' Fernandes

Classifica:

1. Svizzera 3 punti
2. Cile 3 pti.
3. Honduras 0 pti.
4. Spagna 0 pti.

Prossime partite:

Cile - Svizzera (21.6)
Spagna - Honduras (21.6)
Cile - Spagna (25.6)
Svizzera - Honduras (25.6)

Fine della finestrella

Primo successo

Mercoledì a Durban, la nazionale rossocrociata ha conquistato la sua prima vittoria contro la Spagna.

Nei 18 incontri ufficiali disputati tra le due formazioni prima dei Mondiali sudafricani, la Spagna si è imposta a 15 riprese; tre i pareggi.

In passato, i destini delle due squadre si sono incrociati due volte ai Campionati del mondo.

Nel 1994, negli Stati Uniti, i rossocrociati sono stati sconfitti 3 a 0 negli ottavi di finale.

Nel 1966, in Inghilterra, la Spagna si è imposta per 2 a 1 durante la fase a gironi.

Fine della finestrella


Link

×