Navigation

L'epopea dei mercenari svizzeri in Europa

Soldati confederati si scontrano con le truppe francesi nella Battaglia di Marignano (1515). Keystone / Str

Al Museo di Storia di Nidvaldo la mostra che ripercorre secoli in cui i soldati elvetici erano richiesti da tutte le corti del continente.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2021 - 21:10
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 2.4.2021)

La storia dei soldati svizzeri, indubbiamente la fanteria più forte in Europa nel XIV e XV secolo, si intreccia strettamente con quella della Confederazione elvetica.

La fama acquisita nelle battaglie vinte dalle truppe dei cantoni sovrani contro gli eserciti medievali degli Asburgo e di Carlo il Temerarario nelle guerre borgognone dettero grande fama alle milizie elvetiche e le monarchie, soprattutto quella francese, facevano a gara per reclutarle senza badare a spese.

Per i cantoni alpini della Svizzera centrale il servizio prestato per le potenze straniere - soprattutto dopo la sconfitta di Marignano nel 1515 che pose fine all'espansione elvetica (in Lombardia) - era fonte di importanti redditi.

Si calcola che dal XV al XIX secolo un milione e mezzo di giovani hanno combattuto in eserciti stranieri, in particolare nelle guerre di religione che sconvolsero l'Europa dopo la Riforma, fino ai tristi episodi della battaglia di MalplaquetLink esterno (1709), in cui combatterono tra di loro soldati svizzeri collocati negli opposti schieramenti e il massacro delle TuileriesLink esterno (1792) che provocò indignazione nel paese.

Nel frattempo erano nati gli eserciti nazionali rivoluzionari e il mercenariato, ormai superato dai tempi, era mal visto dall'opinione pubblica. L'epilogo

della lunga storia si ebbe dopo la Rivoluzione del 1830 a Parigi in cui caddero 300 svizzeri a difesa delle Tuileries, episodio che pose fine, su iniziativa della Dieta federale, della collaborazione con la monarchia francese.

Il Museo di Storia del canton Nidvaldo ha ora voluto ricostruire le vicende personali di alcuni di questi mercenari partiti dalla Svizzera centrale, per raccontare un fenomeno che ha segnato profondamente questi cantoni e l'intero paese, come riferisce il servizio del TG.

Contenuto esterno



I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.