Strada in salita per molte reclute svizzere

Reclute all'opera in Ticino Keystone Archive

Nel 2000 un soldato su cinque ha lasciato la scuola reclute prima del previsto. Per l'anno in corso l'esercito valuta che gli abbandoni aumenteranno fino al 25 per cento. Un nuovo programma di reclutamento, previsto a partire dal 2002, dovrebbe contribuire a ricondurre questa percentuale al di sotto del 10 per cento.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2001 - 17:50

Felix Endrich, portavoce dello Stato Maggiore generale, conferma che nel 2000 i giovani, risultati durante la scuola reclute non idonei al servizio militare, hanno causato costi all'esercito per 10 milioni di franchi, l'equivalente di 90'000 giorni di servizio.

Più della metà delle reclute tornate a casa soffriva di angoscia o di insonnia, oppure faceva eccessivo uso di alcool o droghe. Molti ragazzi hanno fatto fatica ad adattarsi alla vita in caserma. Dal prossimo autunno verrà introdotto un nuovo programma di reclutamento: il procedimento durerà alcuni giorni, nel corso dei quali i giovani verranno valutati sotto numerosi aspetti. Le visite non avverranno più nei 130 punti di reclutamento attuali, bensì in sei nuovi centri federali.

Il nuovo programma, che sarà effettivo in tutta la Svizzera dal 2004, riguarderà anche le donne e la Protezione civile. Il costo totale sarà di 42 milioni di franchi, 10 milioni in più rispetto ad oggi, ha precisato Rolf Odermatt, dello Stato Maggiore generale.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo