Navigation

Quando dire "no" al sesso non basta

Attiviste durante un'azione contro la violenza sessuale sulle donne in Svizzera davanti al Palazzo federale a Berna, 21 maggio 2019. © Keystone / Anthony Anex

In Svizzera, rifiutare esplicitamente un atto sessuale non è sufficiente. Secondo la legge, lo stupro comporta l'uso della violenza. Molti Paesi stanno modificando questa definizione, il che potrebbe avere un impatto sulla revisione del diritto penale svizzero.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2021 - 11:00
Sibilla Bondolfi, con il contributo di Dhif Kamel e Belén Couceiro

Un uomo ha fatto sesso non consensuale con la sua ex ragazza. È stato comunque assolto dall'accusa di stupro. Secondo i tribunali in Svizzera, la donna avrebbe dovuto difendersi da sola.

Come in molti altri Paesi, senza prove di violenza, minacce o pressioni psicologiche, il diritto svizzero non considera il rapporto sessuale come uno stupro. Cina, Russia, Francia e Spagna, per citare solo alcuni Paesi, hanno normative simili.

Il sesso non consenziente deve essere punito

In Spagna, però, le cose stanno cambiando. Il Paese ha deciso di adattare il proprio codice penale ai requisiti della Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne. Il testo adottato nel 2011 dal Consiglio d'Europa chiede, tra l'altro, di criminalizzare tutti i rapporti sessuali non consensuali.

Il dibattito in Spagna è stato alimentato da un caso specifico: un gruppo di uomini ha aggredito sessualmente una giovane donna, ha filmato l'atto e ha distribuito il video attraverso il servizio di messaggistica Whatsapp. Anche se gli uomini si sono vantati pubblicamente dell'atto, l'hanno fatta franca con condanne relativamente modeste. Poiché la vittima non si è difesa fisicamente, la sua aggressione non è stata considerata uno stupro.

Mentre il dibattito è in corso in Spagna, Danimarca, Paesi Bassi e Finlandia, altri Paesi hanno già modificato le loro leggi. In Svezia, Regno Unito, Irlanda, Germania, Grecia, Belgio, Lussemburgo, Islanda, Austria, Australia, Sudafrica e Cipro, il rapporto sessuale senza consenso è uno stupro.

Il dibattito nei paesi musulmani

In alcuni Paesi arabi, il dibattito sullo stupro ruota intorno ad aspetti diversi da quelli prevalenti in Europa. In alcuni Stati, come l'Egitto, la Giordania, il Libano, il Marocco, l'Algeria o la Siria, la discussione si concentra sulla necessità di abolire la regola secondo cui uno stupratore resta impunito se sposa la sua vittima.

Anche una disposizione della sharia è stata messa in discussione. Essa stabilisce che una vittima di stupro che non può provare la sua aggressione citando quattro testimoni maschi o ottenendo una confessione dall'autore del reato può essere condannata per "fornicazione". Questa disposizione, presumibilmente intesa a proteggere da segnalazioni ingiustificate, è la legge di alcuni Paesi (ad esempio Qatar, Stati del Golfo, Nigeria).

Le pene per lo stupro sono molto più severe nella maggior parte dei Paesi musulmani che in Svizzera. Le lunghe pene detentive sono la regola, e in alcuni Stati può persino essere comminata la pena di morte.

End of insertion

"Il dibattito è stato spesso innescato da casi specifici, come in Spagna", spiega Nora Scheidegger, una giurista svizzera che ha scritto una tesi di laurea in diritto penale sessuale. "All'inizio era un dibattito femminista che è scoppiato qui già negli anni '80", dice Scheidegger. “Dopo di che, la discussione è stata messa da parte fino alla Convenzione di Istanbul e il movimento #MeToo le ha dato nuovo slancio".

Le ONG chiedono una regolamentazione simile in Svizzera

In Svizzera è attualmente in discussione una revisione del diritto penale. Le organizzazioni non governative, tra cui Amnesty International, vari gruppi femministi e il collettivo di sciopero delle donne (Frauen*streik-Kollektive) chiedono la revisione per introdurre il concetto di consenso.

"Sì significa sì" o "no significa no"?

Regola del "no" = Se la vittima dice esplicitamente di no o esprime il suo rifiuto e il rapporto sessuale continua ad avere luogo, si tratta di stupro. Questa regola è in vigore, ad esempio, in Germania e in Austria.

Regola del "sì" = Se il partner non ha acconsentito esplicitamente o implicitamente - cioè senza parole, ma attraverso il suo comportamento o le sue circostanze - a un rapporto sessuale, si tratta di stupro. Questa è la regola vigente in Islanda e Svezia.

"Non è la regola applicata che conta, ma la volontà della persona. E in entrambi i casi, questo viene preso sul serio, dice il professore di diritto Martino Mona dell'Università di Berna. La designazione 'sì significa sì' è infelice perché sembra che si debba firmare, il che è ovviamente assurdo", dice. Mona è quindi a favore della regola del "no significa no", anche se alla fine ha lo stesso effetto.

End of insertion

Anche la segretaria generale del Consiglio d'Europa, Marija Pejčinović Burić, ha invitato i Paesi membri a rivedere la loro definizione di stupro.

L'Ufficio federale di giustizia sta attualmente esaminando la necessità di una riforma. Il Consiglio federale non ha tuttavia ritenuto auspicabile una tale revisione. In Svizzera, chi non rispetta un "no" non resta impunito, ma può essere multato per "molestie sessuali", sottolinea il governo.

Proposta: nuova infrazione

Nora Scheidegger, tuttavia, ritiene che questa misura sia troppo leggera e imprecisa quando si tratta di sesso non desiderato. Nel suo lavoro di dottorato propone quindi l'introduzione di un nuovo reato di "abuso sessuale". La proposta è stata accolta da un membro del Parlamento e potrebbe quindi diventare realtà.

Ma perché introdurre un nuovo reato quando altri Paesi hanno semplicemente esteso il reato di stupro?

"Il concetto di stupro è carico di emozioni. È considerato uno dei peggiori crimini", dice Scheidegger. Finché le cose stanno così, ha senso riservare il reato di stupro alle violazioni più gravi". Scheidegger osserva che un atto sessuale imposto con la coercizione costituisce effettivamente un reato aggravato. Tuttavia, ritiene che una violazione del diritto all'autodeterminazione sessuale sia anche una grave ingiustizia.

Il punto di vista psicologico: il terapista di coppia Klaus Heer sulla regola "sì significa sì"

swissinfo.ch: Quali pericoli vede nell'estensione del reato di stupro in Svizzera o nell'introduzione di un terzo reato di "violenza sessuale"?

Klaus Heer: Se una maggiore consapevolezza della violenza sessuale diventa visibile e tangibile nel diritto penale, non c'è "pericolo". Al contrario. Ciò dimostra che il tempo in cui gli uomini potevano usare le donne per sfogare i loro impulsi sessuali sta gradualmente giungendo al termine. Il fatto che non ci sia una sanzione chiara quando un uomo interpreta deliberatamente il "no" di una donna come un "sì" particolarmente sofisticato è barbarico. E per le donne è altrettanto grave quando lasciano credere agli uomini, "per debolezza", di poter ignorare i limiti imposti – perché, in quanto uomini, hanno bisogno di "quello".

Quale impatto sociale o psicologico avrebbe un tale regolamento? Potrebbe portare ad una situazione in cui, ad esempio, le persone dovrebbero dichiarare il loro reciproco consenso prima di un'avventura Tinder di una notte, direttamente nell’applicazione? In altre parole, la gente diventerebbe un po' paranoica?

Un'avventura di una notte è comunque rischiosa, con o senza Tinder. Non c'è modo di sapere con chi avrete a che fare. Una dichiarazione di consenso scritta probabilmente non farebbe molta differenza. In caso di conflitto, l'imbroglio giuridico diventerebbe ancora più complesso di quanto non lo sia ora, poiché l'interpretazione e le prove diventerebbero molto più confuse.

Il sesso occasionale è un'avventura in tutti i sensi. Bisogna esserne consapevoli prima di impegnarsi. Soprattutto come donna.

End of insertion

Secondo il professore di diritto penale Martino Mona dell'Università di Berna, il requisito della coercizione è storicamente giustificato: "Nel XIX secolo, una vittima di stupro rischiava di essere perseguita per rapporti sessuali illegittimi; la coercizione era usata dalla donna come prova del fatto che non aveva acconsentito". Questo non è più rilevante oggi, poiché le norme sociali sono cambiate, spiega il professore, che ritiene che il diritto penale si basi su una concezione antiquata della moralità e della sessualità, che descrive come "irritante".

Paura di false accuse

Nel dibattito parlamentare vengono avanzate due argomentazioni contro la nozione di consenso. In primo luogo, si teme che l'imputato debba dimostrare che ci sia stato consenso a posteriori, il che equivarrebbe a un'inversione dell'onere della prova e sarebbe contrario allo stato di diritto.

In secondo luogo, se la vittima dovesse semplicemente affermare di non aver acconsentito, alcuni ritengono che le false accuse potrebbero essere più facili da fare. Il fenomeno delle false accuse o dell'invenzione dello stupro si sta già verificando oggi, ma non esistono cifre affidabili per la Svizzera.

Sono aumentate le false accuse nei Paesi in cui i rapporti sessuali senza consenso sono considerati stupro? Nel Regno Unito, ad esempio, la penetrazione senza consenso è considerata stupro. La vittima non deve resistere fisicamente; ciò che conta è che non abbia acconsentito a un rapporto sessuale.

Il professore di diritto dell'Università di Oxford, Jonathan Herring, osserva che le false accuse non sono un problema in Gran Bretagna. In effetti, le ricerche suggeriscono che sono molto rare. Fa anche notare che ci sono ancora poche condanne per stupro perché è difficile provare che la vittima non abbia acconsentito. Il problema, dice, è che i giurati credono ancora ai miti che circondano lo stupro. "Per esempio, l'idea che una vittima ubriaca o che va in un locale acconsenta a fare sesso è ancora abbastanza comune", dice.

Non dobbiamo dare alle vittime false speranze, avverte Scheidegger. "I problemi di prova rimangono", dice. Attualmente è più difficile dimostrare che si è detto "no" al sesso quando non ci sono segni visibili di violenza.

Condividi questo articolo