Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Swiss Made Un vino svizzero apprezzato in Cina e in Giappone

Une bouteille de vin et un verre sur un tonneau

Il non filtrato di Neuchâtel ha molto successo in Giappone. 

(swissinfo.ch)

I sapori di Neuchâtel vengono esportati in Asia. Nicolas Ruedin, viticoltore di Cressier, vende parte dei suoi vini in Cina e in Giappone. I gusti variano molto da un paese all'altro.

I suoi vini sono menzionati nei giornali giapponesi e compaiono anche in un manga. Nicolas RuedinLink esterno, viticoltore di Cressier, nel cantone di Neuchâtel, è orgoglioso di esportare parte della sua produzione nel Paese del Sol Levante: "È una bella immagine vedere i nostri vini proposti in luoghi splendidi".

Nicolas Ruedin tra le sue vigne di Cressier.

(swissinfo.ch)

La tenuta Ruedin esiste dal 1614 e si estende su 11 ettari. I vigneti coltivati sono lo chasselas, il pinot nero, il gamaret, il pinot grigio, lo chardonnay e il moscato. Nicolas Ruedin ha ripreso l'azienda nel 2014. "È un bel mestiere – afferma. Creiamo, siamo in contatto diretto con il cliente finale. Non siamo solo un piccolo ingranaggio di una grossa macchina"

L'azienda ha due dipendenti e un apprendista. Produce circa 90'000 litri all'anno e fa dodici vini diversi, in particolare Oeil de PerdrixLink esterno, Pinot nero e Chasselas. Qualche anno fa, Nicolas Ruedin e suo padre hanno deciso di incrementare il numero di vitigni, di rinnovare il design delle bottiglie e di concentrarsi sui mercati più importanti al di fuori del cantone di Neuchâtel. Ad esempio, lavorano con la catena di supermercati Manor e il distributore di vini Mövenpick.

Test con i droni

Anche la meccanizzazione del lavoro era uno degli obiettivi; l'azienda ha investito molto nei macchinari. Nel 2016 ha persino collaborato con un'impresa vallesana per testare l'applicazione di prodotti fitosanitari sulla vite con dei droni. La produzione non è certificata biologica, "ma utilizziamo trattamenti che non lasciano residui", spiega Nicolas Ruedin.

Le relazioni tra la tenuta di Cressier e l'Asia hanno iniziato a svilupparsi circa quindici anni fa. Il padre di Nicolas Ruedin era allora membro degli esportatori svizzeri di vinoLink esterno, che avevano importatori in tutta Europa. Un giorno, mentre era in visita a Düsseldorf, in Germania, ha conosciuto un giapponese. Sei mesi dopo, ha ricevuto la sua prima ordinazione dal Paese del Sol Levante. Lo Chasselas e soprattutto il non filtrato – una specialità del cantone – sono molto apprezzati dai giapponesi. "Apprezzano questo gusto, perché è neutro e fine. Si abbina bene coi loro piatti molto raffinati", spiega Nicolas Ruedin.

Il viticoltore neocastellano non ha però voluto limitarsi al Giappone: "La Cina sembrava un mercato promettente, volevo svilupparmi lì. Per caso, un rappresentante di questo paese mi ha contattato ed è venuto a degustare il vino qui a Crissier". Oggi, tra il 5 e il 10% della produzione di Nicolas Ruedin è esportata in Cina e in Giappone. Nell'arcipelago, le bottiglie sono trasportate via nave, in container refrigerati. In Cina, invece, le ordinazioni sono spesso effettuate per quantità minori e vengono spedite per via aerea.

Nicolas Ruedin visita entrambi i paesi ogni due o tre anni per promuovere il suo vino: "Sono settimane intense, ci impegniamo senza sosta: durante il giorno, visitiamo i negozi e la sera, facciamo degustazioni e presentazioni nei ristoranti".

«"C'è un interesse incredibile in entrambi i paesi".

Nicolas Ruedin

Fine della citazione

Il viticoltore ha notato che i gusti sono completamente diversi: se i giapponesi apprezzano il Chasselas, i cinesi preferiscono i vini rossi. La tenuta Ruedin esporta principalmente Gamaret e Pinot nero. "Apprezzano i vini più tannici, che si abbinano meglio con la cucina cinese più speziata", spiega l'enologo.

Sensibilità differenti

Anche il modo di consumare cambia radicalmente: "Il Giappone è un mercato maturo. La gente conosce il vino, è abituata a degustarlo. Durante le presentazioni, a volte fanno domande per diverse ore, sottolinea Nicolas Ruedin, mentre i cinesi hanno meno esperienza nelle degustazioni". La pratica si sta però sviluppando, le formazioni e i seminari si moltiplicano. "C'è un interesse incredibile in entrambi i paesi", si rallegra il viticoltore.

Nicolas Ruedin osserva che in Cina le donne sono spesso più interessate degli uomini. "Il tipico commerciante di vino è una donna cinese, tra i 25 e i 35 anni, molto ben organizzata". Il contrasto con la Svizzera, dove l'industria vinicola è ancora prevalentemente in mani maschili, è netto.

Graphique export vin

grafico sulle esportazioni di vino dalla svizzera

Gli accordi bilaterali tra la Svizzera e i due paesi – che aboliscono certe barriere amministrative – facilitano notevolmente l'esportazione di vino, osserva ancora Ruedin. I cinesi e i giapponesi pagano inoltre in franchi svizzeri.

"C'è molto rispetto tra clienti e produttori, molta generosità e riconoscenza"

Nicolas Ruedin

Fine della citazione

Per contro, essendo il vino è considerato un prodotto di qualità superiore, i prezzi non sono gli stessi. In Giappone, una bottiglia di Chasselas costa in negozio 30 franchi, mentre in Svizzera è venduta a 11 franchi. In Cina, i prezzi sono ancora più alti a causa dell'Iva elevata e della tassa sui prodotti di lusso. Una bottiglia di vino rosso può costare tra i 50 e i 100 CHF. "Ma spesso, i consumatori comprano solo una bottiglia da offrire o da bere a più persone", dice Nicolas Ruedin.

Attenzione al dettaglio

Il viticoltore ha apportato alcuni adattamenti per rispecchiare meglio le usanze locali: ad esempio, ha messo delle capsule di cera sui tappi delle sue bottiglie, poiché i clienti hanno l'impressione che il vino potesse essere facilmente contaminato. Quando si reca sul posto, presta particolare attenzione ai dettagli e a, cerca anche di essere attento ai dettagli e incarta sempre bene i regali.

"È impressionante, in questi due paesi c'è molto rispetto tra clienti e produttori, molta generosità e riconoscenza", riassume Nicolas Ruedin. Il bilancio di questo sviluppo delle relazioni commerciali con la Cina e il Giappone è estremamente positivo: "È un'opportunità di viaggiare, di avere una visione più globale del mercato del vino e di potere avere un riscontro da parte dei consumatori per poterci migliorare".

Régions viticoles de Suisse

Carta delle regioni viticole svizzere

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.