Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Swisscom apre la battaglia della convergenza

Non occorrerà più recarsi alla videoteca per affittare un film

(Keystone)

Con la sua offerta di servizi televisivi e video su linea telefonica, Swisscom muove all'attacco dei gestori della rete via cavo.

Bluewin TV propone più di 100 canali televisivi e 70 stazioni radio. Il modello economico alla base del nuovo servizio suscita tuttavia dei dubbi.

A prima vista, la torta appare molto appetitosa. Secondo l'istituto Gratner, il mercato mondiale della TV via protocollo internet (IPTV) si allargherà di otto volte entro il 2010, quando raggiungerà circa 50 milioni di abbonati, generando profitti nell'ordine di 13,2 miliardi di dollari, contro gli 0,8 miliardi attuali.

L'IPTV propone programmi video sul televisore degli utenti distribuiti attraverso una connessione a larga banda che utilizza la rete telefonica.

Attualmente nell'Europa occidentale più di tre milioni di economie domestiche ricevono i loro programmi televisivi attraverso la presa telefonica. La metà di loro si trova in Francia, dove tre grandi operatori offrono questo servizio. Un fatto che non stupisce, perché gli operatori via cavo sono meno frequenti in Francia che altrove in Europa.

Gallina dalle uova d'oro?

In Svizzera, Swisscom si è lanciata nell'avventura con Bluewin TV. Propone 100 canali TV e 70 stazioni radio, oltre 500 film in formato video e programmi sportivi in diretta.

Il gigante blu attacca così frontalmente società come Cablecom o Naxoo, che distribuiscono programmi via cavo. Cablecom, leader del mercato svizzero nel settore della televisione via cavo, ha già annunciato la sua risposta. "Proporremo presto un'offerta televisiva digitale ancora più attraente", afferma senza ulteriori precisazioni Rudolf Fischer, Managing Director della società.

Resta il fatto che l'IPTV non sarà necessariamente una gallina dalle uova d'oro. Molte incognite rimangono per ora senza risposta.

Sunrise, il principale concorrente di Swisscom, non nasconde un certo scetticismo. «Siccome in Svizzera, soprattutto nelle zone urbane, l'allacciamento alla televisione via cavo è spesso già compreso nel presso d'affitto, c'è da chiedersi se vi sarà una forte domanda per l'IPTV», si chiede Jesper Theill Eriksen, direttore amministrativo dimissionario di Sunrise.

Film su richiesta

Per Swisscom, puntare sull'IPTV potrebbe anche essere una scelta strategica. Questo servizio permetterà infatti all'operatore telefonico da un lato di mantenere gli attuali clienti per quanto riguarda l'accesso a internet a banda larga o le comunicazioni telefoniche, d'altro canto di vendere prestazioni supplementari come i film su richiesta o taluni eventi sportivi in diretta.

In tal modo il cliente avrebbe bisogno di un solo fornitore per l'allacciamento telefonico, l'ADSL e i canali televisivi.

L'IPTV non è che un'offerta di base. Un'offerta che servirà però a Swisscom da piattaforma di distribuzione di nuovi servizi nell'ambito della comunicazione e del divertimento. Spetterà quindi all'operatore telefonico sapere sfruttare questa opportunità.

swissinfo, Luigino Canal
traduzione e adattamento, Anna Passera

Fatti e cifre

Per utilizzare Bluewin TV occorre un allacciamento telefonico e un accesso Internet ad alta velocità (ADSL) presso Swisscom.
Costi mensili minimi: 64,30 franchi (29 fr. per l'offerta di base + 1,05 fr. per la licenza dell'UFCOM + 25,25 fr. per l'allacciamento telefonico + min. 9 fr. per la connessione ADSL).
95 fr.: costo dell'istallazione di Bluewin TV-Box.
1 fr. per vedere in diretta una partita di calcio o di hockey su ghiaccio.
3,5 fr. per visionare uno dei 500 film disponibili.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×