Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Swisscom perde colpi

Lo scorso anno, l'operatore aveva potuto contabilizzare i proventi della vendita di un quarto del pacchetto azioniaro

(Keystone)

Il gigante blu ha fatto segnare un calo dell'utile netto nel primo trimestre. E annuncia la chiusura di sei sedi dei servizi informazione.

Nel primo trimestre 2002, Swisscom ha registrato un forte calo dell'utile netto, che si è fissato a 420 milioni di franchi, contro i 4,48 miliardi dello stesso periodo dell'anno precedente. Tale risultato includeva però i proventi della vendita del 25 per cento del capitale di Swisscom Mobile a Vodafone. Per migliorare il rendimento, il gigante blu ha deciso di ridurre il numero delle sedi dei servizi d'informazione.

Nel periodo in esame, il fatturato è progredito dello 0,2 per cento a 3,517 miliardi di franchi, indica Swisscom. L'utile al lordo di imposte, interesse e ammortamenti (EBITDA) si è fissato a 1,168 miliardi di franchi, un dato leggermente inferiore a quello relativo ai primi tre mesi del 2001. L'utile operativo è progredito del 2,3 per cento, salendo a 679 milioni.

Concorrenza per i centri di informazione

Secondo la nota, «a causa della crescente concorrenza, Swisscom Fixnet ridurrà da 17 a 11 il numero dei centri di informazione», chiudendo quelli nazionali di Friburgo, Porrentruy (JU), Baden (AG), Lucerna e Thun (BE) e quello internazionale di Ginevra.

Dal 2003, i servizi di informazione nazionale saranno concentrati a Lugano, Winterthur (ZH), Coira, Rapperswil (SG), Olten (SO), Berna, Bienne, Neuchâtel e Sion. Dal 2004, i servizi internazionali, attualmente presso le sedi di Lugano, San Gallo e Ginevra, saranno riuniti a Lugano e San Gallo, prosegue la nota. Tali misure riguarderanno circa 250 persone.

L'operatore rileva che farà il possibile per evitare casi umanamente difficili. Ai dipendenti toccati dal provvedimento sarà offerto un impiego nel «call center» più vicino, se le distanze sono accettabili. Negli altri 40 casi, l'operatore fornirà assistenza per la ricerca di un nuovo posto di lavoro. I servizi di informazione di Swisscom occupano 1'216 persone, pari a 794 posti a tempo pieno.

Previsto un aumento minimo del fatturato

Per l'intero esercizio corrente Swisscom si attende un aumento minimo del fatturato e un EBITDA analogo a quello del 2001. L'utile netto, mancando i proventi straordinari derivanti dalla cessione di immobili e di parte di Swisscom Mobile, sarà chiaramente inferiore al dato dell'anno scorso, indica l'operatore nella nota.

Il fatturato trimestrale di Fixnet è risultato di 1,645 miliardi di franchi, in crescita del 2,2 per cento rispetto ai primi tre mesi dell'anno passato. In seguito alla forte domanda di collegamenti ISDN, le tasse relativi ai collegamenti telefonici hanno registrato una crescita del 4,2 per cento a 369 milioni. Il traffico telefonico nazionale ha generato ricavi per 228 milioni di franchi, in calo del 3,4 per cento.

Il fatturato netto del segmento Mobile è aumentato del 5,1 per cento, salendo a poco più di un miliardo di franchi (1,008). Nel periodo in esame Swisscom Mobile ha acquisito 55'000 nuovi clienti, il che ha permesso di passare a un totale di oltre 3,4 milioni. Il giro d'affari della tedesca debitel, filiale attiva nella telefonia mobile, è diminuito del 3,6 per cento a 913 milioni di franchi.

swissinfo e agenzie

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza