Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Testimonianza di Rose-France «Cosa mi ha aiutata? La rabbia»

Rose-France.

(swissinfo.ch)


«Sono nata a Losanna nel 1943, ultima di cinque figli, tutti collocati in istituti. All’epoca non si lasciavano i bambini alle madri nubili, alle donne che avevano peccato, come si soleva dire.

A due mesi sono stata messa al nido e quando ho compiuto due anni mi hanno trasferita dalle suore. Sono stata cresciuta a suon di botte, nessuno pagava la pensione e bisognava lavorare e pregare. Quando facevamo pipi a letto, dovevamo lavare le lenzuola. A 13 anni, mentre avevo le mestruazioni, una suora voleva occuparsi della mia igiene intima. Sono scappata dalla mia mamma, ma nel frattempo si era risposata con un legionario che beveva troppo e mi picchiava. Mi ha messa alla porta a 15 anni. Mia sorella maggiore mi ha aiutata, ma non ho terminato la scuola. Ho fatto dei piccoli lavoretti, fino a quando un conoscente mi ha proposto un impiego in banca. Ho colto l’occasione e ho lavorato lì fino al 2000.

Mio padre l’ho visto quattro volte. L’ultima, nel 1969 (è morto l’anno dopo), eravamo  in un bar. Mi sono seduta apposta di fianco a lui, ma non mi ha riconosciuta. Ho sposato un uomo che mi picchiava e mi sono ritrovata sola con due bambini. Mio figlio conosce la mia storia mentre a mia figlia non ho raccontato nulla. È troppo instabile. È rimasta invalida in seguito a un incidente e temo che le portino via il figlio di 14 anni. È come se il cerchio non si chiudesse mai e come se la mia storia si ripetesse all’infinito. Cosa mi ha aiutata? La rabbia». 


(Traduzione dal francese, Stefania Summermatter), swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×