Navigation

TF: occupazione Credit Suisse, respinto ricorso attivisti clima

La sede del Tribunale federale a Losanna KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2021 - 14:09
(Keystone-ATS)

Il Tribunale federale (TF) respinge il ricorso dei 12 attivisti per il clima che avevano occupato una sede losannese del Credit Suisse nel 2018.

Per l'alta corte la crisi climatica non consente loro di invocare uno stato di legittima necessità. I ricorrenti intendono ora appellarsi alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), con sede a Strasburgo.

Il 22 novembre 2018, una ventina di attivisti si erano introdotti per un'ora nell'atrio del Credit Suisse a Losanna. Travestiti da Roger Federer, ambasciatore dell'istituto finanziario, avevano giocato una partita di tennis per denunciare gli investimenti di Credit Suisse nei combustibili fossili.

Erano stati assolti in primo grado il 13 gennaio dal tribunale distrettuale di Losanna. Il Ministero pubblico vodese, tramite il procuratore generale Eric Cottier, aveva presentato ricorso e aveva vinto la causa il 24 settembre davanti al Tribunale cantonale.

Nella sua sentenza pubblicata oggi, il TF precisa che non ha preso in considerazione la questione dell'emergenza climatica. Si è limitato a considerare se le condizioni dello stato di legittima necessità, invocate dagli attivisti e dai loro avvocati, fossero soddisfatte.

Questa disposizione del Codice Penale (CP), che giustifica l'azione illegale in certe condizioni, non è applicabile in questo caso, hanno concluso i giudici di Mon Repos. Ritengono che non ci fosse un "pericolo imminente" al momento dell'azione compiuta dagli attivisti, ai sensi dell'articolo 17 del CP.

La Corte aggiunge che l'occupazione della banca non era destinata a proteggere un bene giuridico concreto: l'obiettivo dei ricorrenti era piuttosto la difesa di interessi collettivi, cioè l'ambiente, la salute o il benessere della popolazione. La legge esclude espressamente l'applicazione dello stato di necessità in queste situazioni.

Per i giudici losannesi, i ricorrenti non possono nemmeno invocare la "salvaguardia di interessi legittimi". Questo motivo, non previsto dalla legge, presuppone che la loro azione fosse l'unica possibile. Altri metodi legali erano a loro disposizione per allertare l'opinione pubblica, sottolinea invece la Corte.

Non si è fatta attendere la reazione degli attivisti e dei 14 loro avvocati. In una nota accusano il TF di negare l'emergenza climatica e di non riconoscere "il ruolo determinante" di questi giovani nella sensibilizzazione. Fanno notare che la partitella di tennis ha suscitato molta attenzione nei media e che Credit Suisse, in seguito a questa azione, ha annunciato diverse misure per riorientare i suoi investimenti.

I militanti di Lausanne Action Climat non intendono fermarsi qui e annunciano che porteranno il caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) a Strasburgo, dove sperano di far valere i loro "diritti fondamentali", in particolare la libertà di espressione e di riunione.

Va comunque sottolineato che il TF ha accolto un aspetto secondario del ricorso: dieci attivisti erano stati condannati anche per aver impedito di compiere un atto ufficiale perché non avevano obbedito all'ordine di evacuazione emesso della polizia. Queste condanne sono state ribaltate per motivi procedurali.

Il caso sarà pertanto rinviato al Tribunale cantonale, che dovrà riesaminare la questione e stabilire nuove sentenze. I giudici avevano inflitto a dieci attivisti - in gran parte studenti - pene pecuniarie sospese pari a 20 aliquote giornaliere da 20 franchi, mentre agli altri due - usciti dalla banca prima dell'evacuazione da parte della polizia - 10 aliquote giornaliere da 20 franchi con la condizionale. Tutti avevano poi ricevuto multe comprese tra i 100 e 150 franchi e l'assunzione dei costi procedurali.

La decisione del TF era molto attesa. Dopo il processo a questi 12 attivisti, il primo del genere in Svizzera, diversi altri casi sono stati portati davanti ai tribunali del Paese. Non esisteva finora una giurisprudenza del TF sulla questione della disobbedienza civile nella lotta contro il surriscaldamento globale.

(sentenza 6B_1295/2020 del 26 maggio 2021)

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.