Thailandia: raccomandata prudenza

Il Dipartimento federale degli affari esteri ha invitato lunedì alla massima cautela in caso di viaggi a destinazione della Thailandia. Domenica, le autorità locali hanno infatti dichiarato lo stato d'emergenza a Bangkok e in alcune province.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 aprile 2009 - 17:19

Inoltre, le riunioni con più di cinque persone sono vietate: tramite il proprio sito internet, il Dfae chiede pertanto ai turisti elvetici di evitare manifestazioni e assembramenti di qualsiasi tipo.

Attualmente, in Thailandia – dove la tensione è elevata fra il premier Abhisit Vejjajiva e i sostenitori del suo predecessore Thaksin Shinawatra – si trovano migliaia di turisti svizzeri.

Il Dipartimento federale degli affari esteri raccomanda loro di seguire le indicazioni delle autorità locali e di restare in contatto con le agenzie di viaggio. Nelle località turistiche la situazione non è comunque giudicata pericolosa. Nei collegamenti aerei fra Zurigo e il paese asiatico non si è finora verificato alcun contrattempo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo