Ticino, solo acqua buona!

Tra curiosità e igiene, nella Svizzera italiana - anche a volerli cercare a tutti i costi - non si trovano nelle tubature pericolosi "animaletti patogeni" o altre "stranezze" che potrebbero creare problemi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 giugno 2003 - 16:16

Non c'è possibilità di scandalo sanitario o più semplicemente di preoccupazione a livello di salute. Dai rubinetti ticinesi esce solo acqua buona.

Contrariamente, in Ticino ci sarebbero epidemie continue. "Dovesse accadere sarebbe solo in caso di sabotaggio o incidente, come la rottura di una fogna unita ad una scalogna incredibile", sorride Mario Jäggli, direttore del Laboratorio cantonale di Bellinzona, istituto che da oltre 100 anni veglia sulla qualità degli alimenti, tra cui proprio l'acqua.

"Potrebbe accadere ma io sono direttore qui da 15 anni e fino a questo momento non è accaduto niente di grave. Faccio mille corna..."

Le malattie di origine idrica erano effettivamente un'attualità nel 1800; la più nota e dannosa era probabilmente il tifo.

"L'ultimo caso che io ricordi è accaduto a Zermatt, quando ero ragazzo: allora ci fu proprio un'infiltrazione di acqua fognaria nella rete d'acqua potabile e le autorità non vollero dirlo nel timore di danneggiare il turismo; così ci fu l'epidemia..."

Arsenico, senza vecchi merletti: una curiosità

Nel 1996, per un insieme di circostanze fortuite, nell'acqua di Astano, in Ticino, è stato riscontrato arsenico, altamente tossico, in concentrazioni decisamente alte. Il Comune mise a disposizione della popolazione acqua minerale.

La preoccupante presenza - di origine geologica - indusse il Laboratorio cantonale di Bellinzona a ricercare l'arsenico in tutte le acque potabili del Cantone, con alcuni ulteriori riscontri positivi.

Le formazioni geologiche dalle quali sgorgano queste acque risalgono addirittura ad epoche antecedenti il sollevamento della catena alpina.

Questi riscontri effettuati dal Cantone ticino hanno spinto la Confederazione a condurre simili analisi su tutto il territorio svizzero che, per ora, hanno permesso di individuare "bizzarre" situazioni analoghe in alcuni Comuni dei Grigioni e del Vallese.

swissinfo, Maddalena Guareschi, Bellinzona

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo