Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Tra innovazioni e crescita

Il programma di quest'anno prevede una 20 di seminari diretti da noti specialisti svizzeri e stranieri

(Keystone)

Ha preso il via martedì la quarta edizione del Lugano Communication Forum. Nuove tecnologie ed informatica al centro dei dibattiti.

Fino a giovedì 11, al Palazzo dei Congressi della città ticinese si terranno più di 20 seminari, diretti da noti specialisti svizzeri e stranieri (perlopiù italiani), ai quali parteciperanno circa 5'000 persone, stando alle stime di Davide Gai, ideatore ed organizzatore del Forum.

"Il Forum" spiega Davide Gai a swissinfo, "da semplice manifestazione cantonale al suo esordio è diventato un evento strategico di importanza nazionale ed europea, unico in Svizzera."

Stando a Gai, "il Ticino è evoluto moltissimo negli ultimi anni" nel settore dell'informatica e delle nuove tecnologie. "Ne è la prova il progetto e-Government della Cancelleria dello Stato, una novità in Svizzera per quanto riguarda l'approfondimento che lo caratterizza."

Per presentarlo, giovedì 11 aprile dalle 10 alle 12, si scomoderanno la consigliera di Stato Marina Masoni, direttrice del Dipartimento delle finanze e dell'economia e il Cancelliere dello Stato del cantone Ticino, Giampiero Gianella. Per quanto riguarda l'andamento del progetto a livello svizzero, prenderà la parola la vicecancelliera della Confederazione Hanna Muralt Müller.

Oltre alla Masoni, al Forum prenderanno la parola il Presidente del Consiglio di Stato Luigi Pedrazzini e il direttore del Dipartimento del territorio Marco Borradori.

"Lugano Communication Forum 2002" sarà anche l'occasione di fare il punto sui rapporti tra l'economia e le nuove tecnologie: "Il Ticino" sottolinea Davide Gai "non è più il fanalino di coda ma è diventato un terreno fertile, propositivo in questo settore. Questo, bisogna dirlo, anche grazie alla prossimità della Lombardia, regione molto dinamica."

Tra i temi importanti di questo quarto forum, oltre alla presentazione del progetto E-Government del cantone Ticino, segnaliamo quella della nuova facoltà di informatica dell'Università della Svizzera italiana (USI). Ne parleranno, mercoledì 10 aprile dalle 10 alle 12.45, Marco Baggiolini, presidente dell'USI e Adriano De Maio, rettore del Politecnico di Milano. I tempi di apertura non sono ancora stati stabiliti però l'USI può già vantare un sistema informatico che la pone all'avanguardia degli atenei svizzeri.

Gemma d'Urso, Lugano


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza