Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Blick" non vuole scusarsi con autorità Turchia.

KEYSTONE/STR

(sda-ats)

Il "Blick" non intende scusarsi né prevede "riparazioni" come chiesto dal ministero degli esteri di Ankara dopo il suo appello di ieri ai turchi di Svizzera a votare "no alla dittatura di (Recep Tayyip) Erdogan" nel referendum del 16 aprile.

"Evidentemente no, perché da noi vige la libertà di espressione, contrariamente a quanto avviene in Turchia", ha risposto oggi il caporedattore del giornale zurighese Christian Dorer a una domanda in tal senso durante il radiogiornale delle 12.30 della radio romanda RTS.

Il giornale - ha aggiunto - non si aspettava una reazione simile. "Ma siamo contenti che anche il presidente (turco Erdogan) legga il Blick".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS