Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'improvviso inasprimento della tensione tra Iran e Arabia Saudita nel già infuocato clima di polarizzazione tra wahabismo di stampo saudita e khomeinismo di matrice iraniana finirà per favorire l'autoproclamato Stato islamico (Isis).

La retorica del gruppo terrorista si basa soprattutto sull'esasperazione delle divisioni politiche e confessionali tra sciiti e sunniti. È la lettura che offrono diversi analisti mediorientali mentre la regione è segnata da episodi di nuove violenze a sfondo religioso innescate dalla condanna a morte, eseguita dalle autorità saudite, di Nimr al Nimr, influente predicatore sciita da più parti considerato vicino all'Iran e ormai inserito dalla propaganda khomeinista nel pantheon dei "martiri" sciiti uccisi dall'"oppressione sunnita".

In Iraq due moschee sunnite sono state attaccate nella regione centro meridionale di Hilla, a maggioranza sciita. Ma esponenti governativi locali hanno sottolineato come sia l'Isis, e non altri, a voler soffiare sul fuoco dell'incendio appiccato dalla morte di Nimr. Un rappresentante del consiglio provinciale di Hilla, Falah Khafaji ha di certo voluto allontanare ogni sospetto su miliziani sciiti per l'attacco alle due moschee sunnite, ma ha ribadito quanto viene ripetuto già nelle capitali mediorientali: l'Isis ha l'obiettivo di infiammare lo scontro confessionale e può approfittare delle conseguenze dell'uccisione di Nimr.

Secondo Ghassan Sharbel, autorevole editorialista libanese di al Hayat, quotidiano panarabo, edito a Londra e di proprietà di un magnate saudita noto per le sue posizioni non oltranziste, il gruppo jihadista ha tutto da guadagnare da un approfondimento del solco tra sunniti e sciiti nel contato dello scontro tra Iran e Arabia Saudita. Solo nelle ultime settimane i conflitti in corso in Yemen, Siria e Iraq, e nei quali Riad e Teheran sono impegnati direttamente a sostegno dei rispettivi clienti locali, sembravano aver raggiunto possibili momenti di svolta, con accordi locali e aperture reciproche tra i belligeranti.

Anche in Libano, ricorda Sharbel, l'elezione del presidente della Repubblica sembrava a un passo con un accordo regionale raggiunto anche tra Iran e Arabia Saudita. Se saltano i tavoli negoziali, scrive il giornale as Safir di Beirut, i conflitti riprendono con maggior vigore e l'Isis avrà vinto di nuovo. Dimostrando che l'unica via è la violenza su base religiosa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS