Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le bambinaie e i giovani che esercitano piccoli lavori nelle famiglie non saranno esonerati dall'obbligo contributivo all'AVS fino a un reddito annuo di 3000 franchi.

Diversamente da quanto deciso in settembre dal Consiglio nazionale, oggi gli Stati hanno - tacitamente - bocciato una iniziativa parlamentare in tal senso della Consigliera nazionale Nadja Pieren (UDC/BE).

Per la deputata bernese, è necessario sgravare la custodia dei bambini da ostacoli burocratici sproporzionati. Il relatore della commissione Konrad Graber (PPD/LU) ha però ricordato che il Consiglio federale ha già deciso di esentare dall'obbligo contributivo all'AVS i lavoretti eseguiti dai giovani per arrotondare la "paghetta" fino a un importo di 750 franchi annui.

"Un'eventuale approvazione dell'iniziativa parlamentare comporterebbe problemi di delimitazione e aumenterebbe il rischio di lavoro nero", ha aggiunto il "senatore" lucernese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS