Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una trentina di persone che praticano le arti marziali hanno deciso di pattugliare le strade di Ginevra durante i fine settimana, per renderle più sicure. Non intendono sostituirsi alla polizia, tengono a precisare, ma dialogare per disinnescare i conflitti.

"Non siamo una milizia. Non facciamo il lavoro della polizia e non abbiamo la competenza legale per farlo", ha indicato all'ats il promotore del progetto, Marco Garcia Gonneau, confermando una notizia pubblicata oggi da "Le Matin" e "La Tribune de Genève". Il quarantenne dirige la scuola di arti marziali Black Belt Spirit Academy, nel comune di Grand-Saconnex (GE).

La "Black Belt Patrol" ha compiuto una prima uscita nella notte fra venerdì e sabato, senza problemi. La prossima è in programma giovedì, per la notte di Capodanno, ha precisato Garcia Gonneau. I "pattugliatori del rispetto", come amano definirsi, non sono mai armati e non intendono intervenire fisicamente in eventuali conflitti.

La polizia ginevrina "condanna qualsiasi iniziativa spontanea che esuli dal quadro legale", ha affermato il suo portavoce, Jean-Claude Cantiello. I cittadini sono invitati a denunciare le aggressioni, gli atti incivili e di vandalismo, ma devono in seguito lasciare che siano gli agenti ad intervenire. "Seguiamo la questione da molto vicino e finora questi individui non si sono fatti giustizia da sé. Per ora non c'è niente di illegale", ha concluso Cantiello.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS