Navigation

"Prix Courage" a Iluska Grass e Carla del Ponte

Carla del Ponte KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 novembre 2019 - 18:22
(Keystone-ATS)

La zurighese Iluska Grass ha ricevuto questa sera il "Prix Courage" 2019 per aver soccorso un ebreo ortodosso aggredito da neonazisti a Zurigo. Un riconoscimento "alla carriera" è andato anche a Carla del Ponte.

Il premio, assegnato a Grass dalla rivista Beobachter, è dotato di 15'000 franchi. Alla cerimonia, tenuta a Zurigo, la presidente della giuria ed ex consigliera di Stato argoviese Susanne Hochuli (Verdi), ha lodato il "coraggio esemplare" della donna.

Un sera di quattro anni fa Iluska Grass dopo essere scesa dall'autobus vede degli estremisti di destra ubriachi che stanno aggredendo un ebreo ortodosso. Grazie al suo intervento è stato possibile evitare il peggio. "Non ci ho pensato molto, ho solo agito", ha affermato la donna.

Beobachter ha poi attribuito il Prix Courage Lifetime Award - dotato di 10'000 franchi - a Carla del Ponte. La ticinese, assente alla premiazione per motivi di salute, è ricompensata per l'insieme della sua carriera dedicata alla lotta contro la mafia e i crimini di guerra.

Del Ponte ha lottato tutta la vita affinché i crimini non restassero impuniti, ha sottolineato Andres Büchi, caporedattore di Beobachter. "Dedicarsi interamente a questo compito, consacrarvi tutta la propria vita, richiede una determinazione e una disponibilità a fare sacrifici che pochissime persone sono disposte a fare", ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.