Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dall'inizio dell'anno sono stati commessi in Svizzera almeno 240 tentativi della cosiddetta "truffa del falso nipote", o del falso famigliare. Lo segnala oggi la polizia vodese, precisando che otto dei trenta tentativi registrati nel cantone sono andati a segno, per un danno complessivo di oltre 400'000 franchi.

A livello nazionale, il pregiudizio è stimato dagli inquirenti vodesi a "parecchie centinaia di migliaia di franchi". Le truffe - volte a estorcere a persone perlopiù anziane ingenti somme di denaro facendosi passare per un nipote, un altro famigliare o un conoscente nel bisogno - sono commesse da gitani polacchi, afferma la polizia vodese in un comunicato odierno.

Le vittime sono selezionate fra persone che portano nomi di antico stampo, d'origine germanica o italofona. Le forze dell'ordine raccomandano alle persone anziane di rivolgersi imperativamente a parenti o conoscenti per verificare le informazioni fornite loro nel corso di chiamate telefoniche.

SDA-ATS