Navigation

11/9: paura negli USA per il decennale

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 settembre 2011 - 17:42
(Keystone-ATS)

Dietro la minaccia di un nuovo attentato terroristico negli Usa, nel decennale dell'11 settembre 2001, ci sarebbero i vertici di al Qaida in Pakistan. Ne sono convinte le autorità statunitensi che da giorni stanno indagando sul presunto complotto. Il segretario di Stato Hillary Clinton lo ha ha confermato.

Secondo il dipartimento della sicurezza interna e l'intelligence statunitensi, la costola di al Qaida in Pakistan sarebbe ancora in piena attività e capace di portare minacce serie, nonostante sia stata indebolita dall'attacco che ha portato all'uccisione di Osama Bin Laden. Particolare preoccupazione destano i gruppi guidati dall'attuale leader di al Qaida, Ayman al Zawahiri, e dal suo braccio destro Abu Yahya al Libi.

Gli occhi però sono puntati anche su altri leader ddel gruppo terroristico, come Adnannel Shukrijumah, accusato di essere coinvolto nello sventato attentato del 2009 alla metropolitana di New York, e alcuni cittadini americani militanti nelle fila di al Qaida.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?