Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le autorità tedesche hanno avviato un'inchiesta giudiziaria nei confronti del 35enne di Düsseldorf (Germania), nella cui abitazione sabato notte è stato ritrovato il ragazzo di dodici anni scomparso una decina di giorni fa da Gunzgen, nel canton Soletta.

Gli inquirenti prendono in considerazione i reati di abuso sessuale su fanciulli, possesso di materiale pedopornografico, sottrazione di minorenni e sequestro di persona, ha riferito oggi la procura generale di Francoforte.

Il ragazzino, scomparso il 18 giugno, è già rientrato a casa con i genitori ed è in buone condizioni di salute. Era entrato in contatto con l'uomo, un tedesco residente da alcuni anni a Düsseldorf, tramite un gioco on line.

Con indizi sempre più precisi della presenza del ragazzo in un'abitazione del quartiere di Hassels, un'unità speciale è entrata nell'abitazione del 35enne, attorno all'una e mezzo di notte. L'uomo non ha opposto resistenza.

La procura solettese indaga per sospetto rapimento. Gli inquirenti non hanno ancora indicato come il dodicenne sia arrivato a Düsseldorf, città di circa 600'000 abitanti della Germania nordoccidentale, situata ad una cinquantina di chilometri dal confine olandese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS