Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

25 novembre: sì a mucche e detective, no a iniziativa UDC

L'iniziativa "Per la dignità degli animali da reddito agricoli", della comunità di interessi "Hornkuh" del contadino Armin Capaul - in votazione il 25 novembre - perde terreno nel secondo sondaggio di Tamedia (foto d'archivio)

KEYSTONE/MANUEL LOPEZ

(sda-ats)

Sì ai detective per la sorveglianza degli assicurati e, anche se con più incertezza, alle vacche con le corna, no all'iniziativa per l'autodeterminazione promossa dall'UDC. È quanto emerge dal secondo sondaggio Tamedia sulle votazioni federali del 25 novembre.

Per quanto riguarda il testo "Il diritto svizzero anziché giudici stranieri", le cifre sono simili a quelle pubblicate una ventina di giorni fa. I consensi si attestano al 44%, i contrari al 53% e gli indecisi al 3%.

Senza sorpresa, i sostenitori dell'UDC appoggiano in massa l'iniziativa (87%), mentre quelli di tutti gli altri partiti le sono ostili. Tra i votanti del PLR, il 37% è favorevole, mentre nelle file del PS questa percentuale è al 12%.

Chi è orientato verso il sì motiva la sua posizione soprattutto sottolineando quanto sia importante per la nostra democrazia che le decisioni prese dal popolo siano rispettate e messe in atto. Fra chi propende per il no, l'argomentazione numero uno è che la Svizzera rischia di dover rescindere fondamentali trattati internazionali.

Altro oggetto in votazione, la base legale che permette la sorveglianza con detective degli assicurati, voluta dal Consiglio federale, non dovrebbe incontrare problemi alle urne. Gli oppositori alla modifica di legge (30%) sono in effetti distanti dai favorevoli (68%).

Nel campo borghese il supporto è netto e fluttua tra il 73 e l'86%. Al contrario, prevale lo scetticismo tra i simpatizzanti di socialisti e Verdi, con i no che si aggirano intorno al 60%.

Gli assicurati onesti beneficerebbero di una lotta agli abusi più efficace, dichiara chi difende il testo, definito invece un attacco alla sfera privata da chi lo osteggia.

Da parte sua, resta in vantaggio ma perde leggermente terreno l'iniziativa "Per la dignità degli animali da reddito agricoli", che prevede indennizzi per gli agricoltori che decidono di non tagliare le corna del proprio bestiame. La quota di sostenitori è scesa dal 53 al 51%, mentre quella dei contrari ha guadagnato tre punti, passando dal 39 al 42%. Il 7% degli interrogati non ha ancora scelto quale posizione prendere.

Il sì raccoglie consensi in particolare tra gli elettori dei Verdi, del PS, dell'UDC e del PBD. Diffidenti invece quelli di PLR, PPD e Verdi liberali.

I favorevoli all'iniziativa della comunità di interessi "Hornkuh" (vacca cornuta) del contadino Armin Capaul mettono in risalto che asportare queste appendici ossee è una forma di maltrattamento. Inoltre, il testo lascia libertà di scelta ai contadini. La controparte ribatte evidenziando l'inutilità di tali sovvenzioni e il pericolo che gli animali feriscano uomini o loro simili.

Il secondo sondaggio di Tamedia è stato realizzato online il 25 e il 26 ottobre coinvolgendo 13'630 persone. Il margine di errore è di 1,4 punti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.