Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera ha fatto grandi progressi in materia di parità fra i sessi, ma ancora troppo spesso alle donne vengono frapposti ostacoli visibili o invisibili che impediscono loro di partecipare ai processi decisionali: lo sostiene la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey in un contributo pubblicato oggi sulla "Südostschweiz am Sonntag".

La ministra degli esteri punta il dito contro gli stereotipi e i pregiudizi che costituiscono una sorta di "soffitto di vetro" (da glass ceiling, espressione usata in questo contesto negli Usa dagli anni 70) contro cui le donne vanno a sbattere quando cercano di raggiungere i piani alti dove si trovano le stanze dei bottoni.

Secondo Calmy-Rey ancora oggi le donne devono decidere fra famiglia e carriera professionale e in tal modo sia la società che l'economia rinunciano a un potenziale importante e a un bagaglio di esperienze preziose. "Se vogliamo veramente sfruttare questo grande potenziale dobbiamo continuare a impegnarci per la parità fra i sessi", conclude la presidente della Confederazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS