Navigation

5G: cittadini Svizzera italiana preoccupati da effetti sulla salute

La nuova tecnologia 5G non fa l'unanimità in Svizzera e in Ticino (foto d'archivio) KEYSTONE/OBS/BONUS.CH S.A. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2020 - 09:40
(Keystone-ATS)

Il 75% degli abitanti della Svizzera italiana che si oppongono all'introduzione del 5G sul territorio temono effetti sulla salute. Il sondaggio, condotto su 2'100 persone, è stato pubblicato oggi dal comparatore online bonus.ch.

A Sud delle Alpi, i favorevoli (37,7%), sono tuttavia leggermente di più rispetto ai contrari (36%). A livello svizzero, i favorevoli a questa nuova tecnologia sono il 34,8%, il 44,2% si dice "contrario" o "piuttosto contrario", mentre la quota degli indecisi si attesta al 21%.

Tra le motivazioni dei contrari figurano in particolare i timori legati ai rischi per la salute (60%), l'impatto ambientale (28%) e i rischi riguarda alla cibersicurezza (6,8%).

Il 61,5% dei sostenitori del 5G ritengono invece importanti i progressi tecnologici ad esso collegati (ad esempio automazione e robotica), oppure i vantaggi nell'uso personale (29,2%) - una connessione internet migliore - e la riduzione del consumo energetico (7,7%).

Differenze tra donne e giovani

Dal sondaggio emerge che c'è una forte resistenza da parte del pubblico femminile: solo il 20% delle cittadine intervistate si sono dette favorevoli all'introduzione del 5G. La quota fra gli uomini è pari invece al 45%.

Tra le persone al di sotto dei 30 anni, rileva bonus.ch, il 47,9% si dichiara a favore, mentre il 39,6% dei giovani intervistati è più riluttante. Nelle altre fasce d'età l'opposizione alla nuova tecnologia oscilla tra il 40,1 e il 46,7%.

Le differenze di pensiero variano anche a seconda della regione linguistica: in Romandia il 47% è contrario, mentre il 30,2% si dichiara a favore. Nella Svizzera tedesca ad opporsi sono invece il 37,1% degli intervistati, mentre il 49,3% vorrebbe l'introduzione del 5G sul territorio elvetico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.