Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seyran Ates, la fondatrice della nuova Moschea di Berlino, all'interno del luogo di culto.

KEYSTONE/AP/MICHAEL SOHN

(sda-ats)

Il velo non è obbligatorio. Da oggi a Berlino i musulmani hanno un nuovo tempio in cui pregare: la prima moschea liberale in Germania, che consente alle donne di tenere prediche in qualità di imam, liberandole dall'obbligo di coprire il capo.

La moschea si chiama Ibn-Rushd-Goethe, è dedicata al filosofo medievale andaluso e allo scrittore tedesco, e si trova nel quartiere di Moabit.

La moschea apre oggi i battenti grazie al progetto di una attivista turca, Seyran Ates, che si sentiva "discriminata" in tutte le altre. "È una occasione per i musulmani di definire di nuovo se stessi", ha commentato uno dei promotori, lo studioso dell'Islam, Abdel-Hakim Ourghi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS