Navigation

A New York Svizzera ha lavorato per pace con Iran e in Siria

Il consigliere federale Ignazio Cassis ha incontrato per la seconda volta a New York il ministro degli esteri eritreo Osman Saleh Mohammed Twitter/@ignaziocassis sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2019 - 09:38
(Keystone-ATS)

Il ministro degli affari esteri Ignazio Cassis stila un bilancio positivo dei suoi incontro a margine della 74esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. La delegazione elvetica ha potuto fare valere gli obiettivi prioritari della Svizzera.

Uno dei temi principali al vertice di quest'anno è stata la tensione tra Iran e Stati Uniti, ha detto Cassis in un'intervista con Keystone-ATS a New York ieri. Il presidente della Confederazione Ueli Maurer ha incontrato il presidente iraniano Hassan Ruhani e Cassis il suo omologo Mohammad Javad Sarif. La Svizzera offre i suoi buoni uffici per allentare le tensioni, ha detto Cassis.

Le parole scelte dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel suo discorso all'Assemblea generale dell'Onu gli sono piaciute. "Ha indicato chiaramente che non vuole la guerra", ha detto il responsabile del Dipartimento degli affari esteri (DFAE). Cassis ha sottolineato che anche l'Iran non ha mostrato alcun interesse per un'escalation della situazione.

Per la seconda volta Cassis ha incontrato a New York il ministro degli esteri eritreo Osman Saleh Mohammed. I due ministri hanno convenuto che i funzionari di entrambi i Paesi debbano discutere a livello tecnico dei diritti dell'uomo, delle questioni migratorie e delle relazioni economiche tra i due Paesi come anche dei progetti di aiuto allo sviluppo finanziati dalla Svizzera.

Tuttavia, è ancora troppo presto per presentare un accordo di riammissione con l'Eritrea. "Le cose non vanno così in fretta" ha detto Cassis. Dopo molti anni di diffidenza, è ora necessario trovare una via d'intesa su altre questioni prima di poter affrontare le questioni più delicate, ha aggiunto.

La Svizzera e l'Eritrea stanno instaurando un clima di fiducia. Cassis ha detto di aver ritenuto che l'incontro di ieri con Osman Saleh Mohammed fosse molto più rilassato e positivo del primo. Anche il ministro degli esteri eritreo gli ha promesso di visitare ufficialmente la Svizzera - e non per partecipare a una festa organizzata dai suoi compatrioti, come aveva fatto questa estate.

Più soldi per il clima

A New York la Svizzera ha anche dimostrato la sua volontà di agire contro i cambiamenti climatici, ha detto Cassis. L'obiettivo è di ridurre a zero le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050. Ciò significa che la Svizzera non dovrà rilasciare nell'atmosfera più gas a effetto serra di quanto i giacimenti naturali e artificiali possano assorbire.

Al "Sustainable Development Impact Summit" organizzato dal World Economic Forum (WEF), a margine dell'Assemblea generale dell'Onu, Cassis ha sottolineato l'impegno del settore privato necessario per raggiungere gli obiettivi dell'Agenda 2030. "Approcci innovativi sono essenziali per sviluppare soluzioni efficaci alle sfide del futuro, come la riduzione delle emissioni di CO, ha detto il consigliere federale.

Un passo verso la pace in Siria

In una conferenza sulla situazione in Siria, Cassis ha sottolineato la volontà della Svizzera di sostenere un Comitato costituzionale siriano. Il responsabile del DFAE ha detto a Keystone-ATS che si tratta di un primo passo verso un processo di pace globale, conformemente alle istruzioni del Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Cassis ha espresso anche la sua preoccupazione per la situazione umanitaria in Siria. Circa 12 milioni di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria - circa 5,6 milioni hanno già cercato rifugio nei paesi vicini. Finora la Svizzera ha sostenuto l'impegno umanitario con un totale di 420 milioni di franchi. Si tratta del più grande impegno umanitario nella storia della Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.