Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In novembre sono cresciute le esportazioni e le importazioni rispettivamente dell'1% e del 5,6%. Quest'anno però novembre contava un giorno lavorativo in più: tenendo conto di ciò, le esportazioni risultano in calo del 3%, le importazioni segnano un aumento dell'1,4%.

A novembre le esportazioni svizzere si sono attestate a 18,3 miliardi di franchi e le importazioni a 15,1 miliardi, fa sapere oggi l'Amministrazione federale delle dogane. La bilancia commerciale chiude registrando un'eccedenza di 3,1 miliardi di franchi.

Vi sono grandi differenze fra i vari settori di esportazione. Senza tener conto della correzione in base ai giorni lavorativi, si va da -6% del settore orologiero al +7% della chimica-farmaceutica. L'industria delle derrate alimentari, bibite e tabacco e quella del tessile, abbigliamento e scarpe hanno registrato un incremento del 5% delle vendite all'estero. In calo invece le esportazioni delle macchine e dell'elettronica (-5,2%), dell'industria metallurgica (-4,7%), degli strumenti di precisione (-1,8%) e delle materia plastiche (-1,7%).

Le esportazioni verso il Nordamerica sono cresciute dell'8% globalmente: l'incremento è stato del 12% verso gli USA mentre verso il Canada hanno subito un tracollo del 29%. Le vendite in Europa sono aumentate dell'1%, del 3% nell'Ue. Anche in questo caso le differenze sono marcate: salgono in Gran Bretagna (+31%), in Austria (+13%) e Germania (+6%) mentre calano in Italia (-12%), Russia (-25%) e Turchia (-28%). Stabili le esportazioni in Asia.

Anche per quanto riguarda le importazioni, si registrano evoluzioni discordanti. Visto il netto calo dei prezzi, le importazioni nominali di prodotti energetici sono calate (-27% ; reale : +4,4%). I beni di consumo hanno registrato la maggiore crescita, +17%, dovuta principalmente all'importazione di medicinali (+995 milioni). Hanno contribuito al rialzo anche il settore bigiotteria e gioielleria (+11%) e abbigliamento e scarpe (+7%). Le importazioni di beni strumentali sono salite del 4% . Calano invece le entrate di materie prime e prodotti semi-finiti (-5%), articoli elettrici ed elettronici (-10%), prodotti semi-finiti di metallo (-9%) e chimici (-5%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS