Comincia oggi pomeriggio in un tribunale di Gerusalemme il processo a Sarah Netanyahu, moglie del premier Benyamin Netanyahu, sospettata, insieme ad altri, di frode e abuso di potere.

Questo per aver addebitato allo Stato spese (in larga parte pasti), per circa 100'000 franchi per la gestione della Residenza ufficiale del premier.

Sarah Netanyahu - che, affiancata dal marito, ha sempre respinto ogni addebito - è stata incriminata dall'Avvocato generale dello stato Avichai Mandelblit lo scorso 21 giugno. Insieme a lei è stato accusato anche Ezra Saidof, un alto funzionario dell'ufficio del primo ministro addetto alla contabilità.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.