Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ABB ha ricevuto un ordine da circa 90 milioni di dollari in Norvegia per la costruzione di un cavo ad alta tensione che collegherà una piattaforma petrolifera offshore alla terraferma.

Con i suoi 200 km sarà il cavo ottenuto con il processo di estrusione più lungo del mondo per raggiungere un pozzo in mare, informa il gruppo elettrotecnico elvetico in un comunicato odierno.

La piattaforma Johan Sverdrup - il nome deriva dal primo ministro norvegese dell'Ottocento che è considerato il padre del sistema parlamentare nel paese scandinavo - si trova nel Mare del Nord, a circa 140 chilometri da Stavanger. Quando l'attività sarà a pieno regime dovrebbe produrre 550-650 mila barili di petrolio al giorno.

Su mandato della multinazionale energetica norvegese Statoil, ABB si occuperà della fabbricazione e della posa di un cavo di 80 kilovolt con una potenza di 100 megawatt che collegherà la piattaforma alla rete elettrica norvegese. In tal modo i macchinari non dovranno ricorrere al diesel o al gas, riducendo fortemente le emissioni, sottolinea la società svizzera. Inoltre la soluzione con la connessione via cavo è più sicura ed efficiente del ricorso a fonti fossili per la produzione di energia elettrica in loco.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS