Navigation

Abitazioni: "Necessario agire indipendentemente dal risultato", ASI

Natalie Imboden, segretaria generale dell'Associazione svizzera degli inquilini. KEYSTONE/MARCEL BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2020 - 13:29
(Keystone-ATS)

Il successo dell'iniziativa "Più abitazioni a prezzi accessibili" nelle città è un chiaro segnale della gravità del problema degli affitti troppo cari, ha sottolineato Natalie Imboden, segretaria generale dell'Associazione svizzera degli inquilini.

Nonostante la spaccatura fra regioni urbane e rurali, il problema è acuto ovunque in Svizzera, ha dichiarato Imboden alla televisione della Svizzera tedesca SRF. L'argomento secondo cui l'attuazione dell'iniziativa sarebbe costata 120 milioni di franchi era infondato. Si tratta di prestiti che sarebbero stati rimborsati, ha ricordato.

Ueli Keller, membro del consiglio di amministrazione delle cooperative edilizie svizzere, ha deplorato il risultato dello scrutinio a livello nazionale, ma ha anch'egli attirato l'attenzione sull'accoglienza positiva del testo nelle città e negli agglomerati urbani, dove la pressione è decisamente più elevata. A suo avviso, il diritto di prelazione per per promuovere l'edilizia abitativa di utilità pubblica, proposto nell'iniziativa, sarebbe stato un buon strumento per alleviare le tensioni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.