Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Da metà gennaio il campanello sulla bicicletta non è più obbligatorio (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/FRANCISCO SECO

(sda-ats)

Da metà gennaio il campanello sulla bicicletta non è più obbligatorio: lo ha deciso lo scorso 16 novembre il Consiglio federale approvando una modifica del regolamento sui requisiti tecnici per i veicoli stradali.

La notizia, passata inosservata, è riferita oggi dai quotidiani Südostschweiz e Aargauer Zeitung.

L'articolo 218 del regolamento in questione recitava che le biciclette con un peso di oltre 11 kg dovessero avere "un campanello ben udibile", pena una multa di 20 franchi. Il limite di peso era stato introdotto per permettere alle biciclette da corsa di essere più leggere, ha spiegato un portavoce dell'Ufficio federale delle strade (USTRA).

Grazie ai miglioramenti nella fabbricazione ora sono però ben poche le biciclette che superano gli 11 kg. L'USTRA sottolinea che l'abolizione dell'obbligo non comporta alcun divieto, dunque i ciclisti avranno ancora il diritto di "scampanellare". Pro Velo Schweiz raccomanda di continuare a usare il campanello per motivi di sicurezza.

Anche l'obbligo del sellino rischia di scomparire: secondo Pro Velo, grazie all'emergere di veicoli di nuova concezione che permettono di viaggiare poggiando sui due piedi, non dovrebbe più esserci l'obbligo di sedersi. "Con la scomparsa del sellino si elimina di conseguenza anche l'obbligo per il ciclista di pedalare seduto" scrive Pro Velo sul proprio sito.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS