Navigation

Abu Mazen: Francia e UE aiutino a sbloccare processo di pace

Secondo il presidente palestinese Mahmund Abbas, la Francia, e l'Unione Europea, hanno un ruolo importante per sbloccare il processo di pace, ostacolato "dall'intransigenza israeliana e dalle posizioni sbilanciate dell'amministrazione Trump". KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2020 - 10:59
(Keystone-ATS)

Secondo il presidente palestinese Mahmund Abbas, la Francia, e l'Unione Europea in generale, hanno un ruolo importante per sbloccare il processo di pace, ostacolato "dalla intransigenza israeliana e dalle posizioni sbilanciate assunte dalla amministrazione Trump".

Lo ha riporta l'agenzia Wafa, precisando che Mahmund Abbas (Abu Mazen) si espresso così durante un incontro avuto la scorsa notte a Ramallah col suo omologo francese Emmanuel Macron.

"Ci attendiamo il riconoscimento dello Stato di Palestina da parte dei paesi europei che credono nella soluzione dei Due Stati" ha detto Abu Mazen. Questi ha poi ribadito che l'Autorità nazionale palestinese intende organizzare al più presto elezioni presidenziali e legislative. Ma per poterle realizzare - ha osservato - occorre che vi prendano parte anche i palestinesi di Gerusalemme est. L'Anp spera che la Francia e la Ue possano fare in merito pressione su Israele.

Macron, ha aggiunto la Wafa, ha confermato che la Francia crede fermamente nella soluzione dei Due Stati e che in parallelo è impegnata ad aiutare i palestinesi ed edificare le proprie strutture politiche e a sostenere la loro economia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.