Navigation

Abu Mazen annuncia intesa con Hamas su unità ed elezioni

Abu Mazen KEYSTONE/AP/Gregorio Borgia sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 gennaio 2021 - 17:16
(Keystone-ATS)

Fatah e Hamas hanno raggiunto un accordo sulla riconciliazione nazionale e lo svolgimento di prossime elezioni nazionali.

Lo sostiene una nota della presidenza dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) di Abu Mazen in cui si dice - secondo la Wafa - che Abu Mazen ha accolto con favore il contenuto di una lettera inviatagli dal capo politico di Hamas Ismail Haniyeh.

La lettera di Haniyeh - trasmessa ad Abu Mazen, da Jibril Rajoub capo di Fatah la componente di maggioranza dell'Anp - riguarda "la fine della divisioni tra le due organizzazioni, la costruzione della partnership e il raggiungimento dell'unità nazionale attraverso elezioni democratiche - legislative, presidenziali e del Consiglio nazionale - con piena rappresentanza proporzionale da tenersi congiuntamente".

Nella lettera di Haniyeh si prende atto "dell'impegno di Fatah" (il partito di Abu Mazen) nella costruzione di una partnership nazionale e dell'unità. Per questo Abu Mazen - è detto nella nota della presidenza palestinese - vedrà presto il presidente del Comitato centrale elettorale delle elezioni Hanna Nassir "per discutere le procedure da seguire per emettere i decreti elettorali in base alla legge".

Abu Mazen - ha proseguito la nota - ha ringraziato l'Egitto "per aver sponsorizzato i colloqui di riconciliazione inter palestinesi e anche il Qatar, la Turchia, la Russia e la Giordania per i loro volenterosi sforzi nel ravvicinare le differenze tra le posizioni e nel raggiungere il predetto accordo".

Non si hanno al momento commenti di Hamas sull'annuncio della presidenza palestinese. Non è la prima volta di accordi in questo senso tra Fatah e Hamas: ci sono state in passato intese su riconciliazione ed elezioni generali ma non portate a termine. Alcuni media israeliani hanno sottolineate che l'annuncio di oggi può essere legato al prossimo cambio alla Casa Bianca.

Condividi questo articolo